Met Gala 2022: i migliori e i peggiori look | Rolling Stone Italia
Home Pop & Life

Met Gala 2022: i migliori e i peggiori look

Kim Kardashian icona (di nuovo!) nell’abito che fu di Marilyn Monroe, ma le sorelle le tengono testa. E poi Sarah Jessica Parker, Billie Eilish, Blake Lively, fino al cosplayer di Jared Leto. I top e i flop

Kim Kardashian al Met Gala 2022

Foto: Gotham/Getty Images

Meglio: Kim Kardashian

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Kim Kardashian (@kimkardashian)

Kim Kardashian ha messo l’abito indossato da Marilyn Monroe quando cantò «Happy Birthday, Mr. President» a JFK: serve aggiungere altro?

Peggio: Camila Cabello

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da @ideservecouture

«Con uno stylist così chi ha bisogno di nemici?», commenta il cattivissimo @ideservecouture. Sottoscriviamo parola per parola. “Scoppiata” da Shawn Mendes (anche lui in odor di fashion police versione principe Disney), la popstar latina in Atelier Prabal Gurung sbaglia tutto. Bam bam: sì, ma nel senso dei pugni contro i nostri poveri occhi.

Meglio: Le Kardashian

Kim über alles, d’accordo. Ma tutte le Kardashian hanno ampiamente portato a casa la serata. E consideriamo il fatto non da poco che per due di loro – Khloé (in Moschino) e Kourtney (in Thom Browne) – era la prima volta: finora erano state vittime del classismo di Anna Wintour? Poco importa: le più esperte Kendall (in Prada) e Kylie (in Off-White) avranno evidentemente spiegato loro come si calca quel red carpet. Questa è sisterhood.

Peggio: Cara Delevingne

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Gazette du Bon Ton (@gazettedbt)

Si può dire tutto di Cara Delevingne, tranne che non abbia preso il tema della serata (Gilded Glamour) alla lettera: dato che alla ragazza piace vincere facile, s’è direttamente pittata il corpo d’oro, coordinando un discreto copri-capezzolo al suo Dior Haute Couture rosso. Il risultato, ahinoi, lascia parecchio a desiderare.

Meglio: Blake Lively

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Vogue (@voguemagazine)

Gilded Age, scansate: l’abito (firmato Versace) di Blake Lively – co-host dell’evento insieme al marito Ryan Reynolds – sul red carpet si è trasformato, evocando la Statua della Libertà (che si ossida dal rame al verde) e le costellazioni sul soffitto della Grand Central Station. Standing ovation.

Peggio: Sarah Jessica Parker

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Revista Estilo (@revista_estilo)

Esiste Sarah Jessica Parker senza Carrie Bradshaw (o senza l’idea che tutti ormai abbiamo di Carrie Bradshaw)? Il tema della mostra al Met è il “lessico” del fashion USA, e l’icona di Sex and the City in termini di moda e costume ha fatto la sua (enorme) parte. Ma ormai ogni apparizione di SJP (stavolta in Christopher John Rogers) ha dietro un birignao più ruffiano che autocitazionista. E anche stavolta sembra un abito di scena del suo personaggio cult.

Meglio: Glenn Close

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Vogue Türkiye (@vogueturkiye)

L’Oscar che non ha mai ricevuto nella sua carriera oggi glielo diamo noi: Glenn Close ha fatto un ingresso trionfale al suo primo Met Gala (vergognatevi!) accompagnata da Pier Paolo Piccioli e dunque di Valentino fluo vestita. La Signora (con la maiuscola, sì) della serata, senza se e senza ma.

Peggio: Billie Eilish

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da 𝑮𝒍𝒂𝒎𝒐𝒖𝒓 𝑩𝒍𝒐𝒈𝒈𝒚 ✨ (@glamourbloggy)

Non aveva (come sempre, del resto) la faccia di una che si stava divertendo molto, Billie Eilish. E come darle torto: quell’abito upcycled Gucci firmato Alessandro Michele era da sanguinamento di occhi. «Volevo solo essere il più eco-friendly possibile», ha detto lei. Peccato sembrasse più una Cenerentola da incubo, aggiungiamo noi.

Meglio: Kaia Gerber

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da New York Times Fashion & Style (@nytimesfashion)

Se ti chiami Kaia Gerber, buona parte del lavoro l’hai già fatto. Se poi c’aggiungi un abito semitrasparente di Alexander McQueen, sandali argento, una vibe da Studio 54 e capelli che portano i riferimenti agli anni ’70 a un livello decisamente successivo, be’: hai fatto bingo.

Peggio: Il cosplayer di Jared Leto

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Clark Dorante (@clarkdorante)

Un nome ce l’ha: Fredrik Robertsson. Ma per tutti resterà colui che vuo’ fa’ Jared Leto anche se Jared Leto era, come sempre, presentissimo (accanto al fedele Alessandro Michele di Gucci). Tra Edward mani di forbice e Alien, il suo look (by Iris Van Herpen) è forse più da Salone del Mobile. Ti aspettiamo a Milano a giugno, fratello.