Ecco i dieci finalisti del JägerMusic Lab 2022 | Rolling Stone Italia
Home Pop & Life

Ecco i dieci finalisti del JägerMusic Lab 2022

La giuria ha scelto i nomi da cui uscirà il nuovo 'Music Meister'. Gli aspiranti vincitori entrano nel Lab per costruire la musica del futuro

Davanti a una giuria composta da giornalisti ed esperti del settore, oltre a ospiti d’eccezione come Boss Doms (che sul suo profilo Instagram si è definito «severo e inflessibile»), La Rappresentante di Lista e i Fast Animals and Slow Kids, si è svolta la selezione per lo Jägermusic Lab 2022, il contest musicale di Jägermeister – distribuito in Italia da Gruppo Montenegro – giunto alla sua quinta edizione e dedicato alla ricerca del nuovo Music Meister: un* nuov* artista capace di far sentire la sua voce chiara, unica e indistinguibile.

Siamo a Milano, al Gate, un impianto pompa tutto il giorno la musica dei venti partecipanti. Sono venuti da tutta Italia per proporsi, per raccontarsi, per comunicare ai giudici (coordinati da The ReLOUD, fondatori e master teacher della MAT Academy) la loro visione del mondo e della musica. Elettronica, sì, ma aperta, contaminata, proiettata al futuro: questo è quello che si cerca dietro il concept di questa edizione: Be Original. Dove originale vuol dire cercare l’unicità, cercare la propria voce, dire le cose – anche con la musica – in un modo che è solo e soltanto tuo.

Una giornata in cui è emersa la capacità della musica di scavalcare steccati tra generazioni (i partecipanti andavano dai vent’anni ai quasi quaranta), percorsi – ci sono esordienti assoluti, talenti che si sono espressi solo in cameretta e altri che hanno già cercato di mordere il palco – e ambizioni (da chi vuole crescere, chi vuole imparare, chi ammette di cercare il successo perché vuole vivere di questa passione).

Il prossimo Music Meister è già tra noi. Gli artisti che accederanno alla prossima fase sono: Splendore, Munstac, Ladyhalo, Giovanni Agosti, Wared, Squ4re, Ufo Orchestra, Linbo, Riccoardo Rusconi e Greeko.

Adesso cosa succede? Per loro si aprono le porte del Lab: giorni ad alta intensità, dal 24 al 31 ottobre, nella cornice super cool del BASE di Milano. Al Lab non si stacca un secondo e dove i candidati verranno testati, spronati a collaborare, a uscire dalle proprie zone di confort, andare lì a cercare l’inesplorato, per maturare come persone e come artisti. Il talento è tanto, la scelta non sempre facile, ma la certezza è che in questi giorni in cui si affronteranno composizione, lavoro sui suoni, sulla scrittura, sulla sperimentazione, i dieci cresceranno e proporranno musica ancora più unica di quella con cui sono stati scelti.

Le prossime tappe? Il Lab, appunto, dove gli aspiranti Meister avranno come maestri particolare gli stessi giudici Boss Doms, Fast Animals and Slow Kids e La Rappresentante di Lista, con l’aggiunta di altri ospiti d’eccezione come i Nu Genea, che parteciperanno a una delle lezioni per spiegare la loro miscela musicale capace di unire tradizione, innovazione e suoni del mondo.

Anche per questa edizione il designer Sergio Pappalettera, con il supporto del team di Sugo Design, farà parte del Lab in qualità di art director. Oltre alla musica infatti anche l’aspetto visivo è fondamentale e il racconto delle canzoni degli studenti potrà avvalersi delle suggestioni di video creati per l’occasione. Nelle serate conclusive, inoltre, sarà allestita un’installazione ideata sempre da Sergio Pappalettera / Sugo Design e musicata dai The ReLOUD per celebrare il concept dell’edizione e il rituale della night life, da sempre fil rouge Jägermeister.

Inoltre, anche per questa edizione, verrà documentato il Lab in una speciale ed inedita docu-serie di quattro puntate firmata GRØENLANDIA, che sarà disponibile sul sito di Jägermeister Italia e sul canale ufficiale di YouTube e porterà alla luce i momenti focali ed emozionanti di tutta l’esperienza del Lab 2022.

Infine, la grande serata conclusiva. Il 31 ottobre, sempre al BASE, a Milano, dove la giuria incoronerà il prossimo Music Meister 2022, quello che incarnerà meglio l’idea di musica del futuro, quella voce Be Original che farà vibrare più di tutti le pareti del locale e che dimostrerà di avere più fuoco nella mani e visione negli occhi. La sfida è aperta e che vinca il/la migliore!