Cosmo Muccino Amatulli e la moda che nasce sulle scogliere di Polignano a Mare | Rolling Stone Italia
Home Pop & Life

Cosmo Muccino Amatulli e la moda che nasce sulle scogliere di Polignano a Mare

Stylist e fashion designer di Conversano, si è trasferito a Roma per realizzare i propri sogni. Ma è immerso nella natura pugliese che ha creato il suo brand di abbigliamento. È lui il nuovo protagonista di Truly Unique People Reconnection, la serie di video-racconti realizzata da Ploom in collaborazione con Rolling Stone

Cosmo Muccino, stylist e fashion designer di Conversano protagonista del quarto episodio di Truly Unique People Reconnection.

Cosmo Muccino, stylist e fashion designer di Conversano protagonista del quarto episodio di Truly Unique People Reconnection.

«La Puglia è la vera riconnessione con il mio animo». Lo stylist e fashion designer Cosmo Muccino Amatulli riassume così le sensazioni che prova ogni volta che torna a Conversano, in provincia di Bari. A 18 anni, infatti, ha lasciato casa per trasferirsi a Roma, dove ha iniziato a lavorare nel mondo della moda, ma tutte le sue creazioni sono profondamente influenzate dalle tradizioni e dai paesaggi pugliesi.

Per esempio, la sua collezione Cosmico by Cosmo è nata proprio contemplando il mare Adriatico: «Torno in Puglia per riscoprire il contatto con la natura e le onde sono una fonte di ricarica ed energia, ritrovo subito le mie origini e mi vengono in mente idee per bozzetti e materiali naturali da usare, come il cotone organico. Il mare mi permette di concentrarmi sui miei obiettivi, professionali e creativi».

Cosmo Muccino Amatulli racconta la sua storia e il suo rapporto con Roma e Bari nel nuovo episodio di Truly Unique People Reconnection, la serie di documentari realizzata da Rolling Stone per Ploom, l’innovativo device dal gusto unico dedicato a fumatori adulti. Insieme a Ploom abbiamo infatti selezionato alcuni talenti creativi – tra cui designer, fotografi e musicisti – per affrontare con loro il viaggio dalla città in cui vivono e lavorano alla città dove sono nati e cresciuti, andata e ritorno.

E Cosmo Muccino Amatulli ci ha fatto scoprire la costa pugliese a bordo del suo mini-van vintage, che lui chiama «il pulmino delle suore». Guidando questo vecchio furgoncino rimesso a nuovo, Cosmo dice che ama «viaggiare nei posti più nascosti, ritrovando i miei luoghi del cuore». E dunque siamo stati con lui all’ombra dell’abbazia di San Vito, a ridosso delle scogliere nei pressi di Polignano a Mare e nei mercati ittici locali, importantissimi per Cosmo perché gli ricordano il nonno, che era un pescatore.

«Lo ritrovo nel mare», spiega Muccino Amatulli ripercorrendo a ritroso l’albero genealogico della propria famiglia: «Guardando i pescherecci, sedendomi su un muretto al tramonto, ricordo mio nonno vedendo tutti gli uomini che vivono nel mare e per il mare».

Ritrovare la famiglia e gli amici è dunque il primo motivo che spinge Cosmo Muccino Amatulli a tornare spesso da Roma a Conversano: «Infatti, quando sono in viaggio, sto tanto al telefono con tutte le persone che voglio rivedere appena rientrato a casa».

La casa che ha lasciato a 18 anni per inseguire sogni e ambizioni nella Capitale: «Roma mi ha permesso di lavorare nel mondo della moda. È una grande città che mi ha dato tante opportunità, ma è anche grazie a lei che ho riscoperto e riapprezzato i sapori della mia terra».

«Per me la Puglia è soprattutto cibo, profumi, colori», spiega il designer barese. Così, prima di lasciare Conversano, carica sempre in auto frutta e verdura locali: «A casa mia a Roma non manca mai il gusto della Puglia. L’ultima cosa che faccio è un pranzo con mia nonna, poi mi rimetto al volante con un pizzico di malinconia».

Cosmo Muccino Amatulli è abituato a guidare da una costa all’altra dell’Italia, essendo sempre in viaggio per piacere e per lavoro si definisce «spirito nomade». Ma c’è solo un luogo in cui ritrova davvero se stesso: «Le mie creazioni sono basate sulle idee che i viaggi in Puglia riescono a stimolarmi, grazie al tempo trascorso immerso nella natura mi riconnetto con le mie radici».

Nelle puntate precedenti abbiamo raccontato le storie del fashion designer palermitano Alessandro Enriquez, dei musicisti baresi Agents of Time e del fotografo siciliano Gabriele D’Agostino.

Continuate a seguirci anche sui canali social di Rolling Stone e Truly Unique People by Ploom per scoprire chi saranno i protagonisti dei prossimi episodi di Truly Unique People Reconnection.

Guarda l’intervista completa su Truly Unique People