Home Politica

Un europarlamentare ungherese del partito di Orban è stato beccato in un’orgia

József Szájer, 59 anni, è un esponente di spicco dell'estrema destra ungherese. Di giorno difesa della famiglia tradizionale, di notte droghe e assembramenti illegali

Foto via Twitter

József Szájer è un politico ungherese membro del Parlamento europeo. È anche uno dei nomi di spicco di Fidesz, il partito di estrema destra del premier Viktor Orbán – noto per le sue posizioni conservatrici su temi come la famiglia e i diritti LGBT. È anche stato beccato venerdì scorso dalla polizia belga in mezzo a un’orgia con altre 25 persone, per la maggior parte uomini. 

Secondo la ricostruzione dei fatti, la polizia sarebbe intervenuta verso le 21.30 in una casa in centro a Bruxelles dopo aver ricevuto una segnalazione da parte di alcuni vicini.  Nella casa la polizia aveva trovato e identificato circa venticinque persone – quindi una violazione delle norme anti-Covid sugli assembramenti – tra cui due con passaporto diplomatico. E una terza persona è stata fermata mentre cercava di scappare calandosi da una grondaia, con le mani insanguinate e della droga nello zaino. Quella persona era Szájer. 

I giornali belgi hanno descritto la festa come “un’orgia” e un “sex party”, scrivendo anche che la maggior parte dei partecipanti alla festa erano uomini e che oltre a Szájer c’erano due persone con passaporto diplomatico. Szájer – che ha 59 anni, è sposato e ha una figlia – ha negato che la droga trovata nel suo zaino fosse sua e ha detto di non averne mai presa e di non sapere chi l’avesse messa lì. È stato multato per aver violato le restrizioni contro il coronavirus e si è dimesso da parlamentare europeo chiedendo scusa alla famiglia e al partito.