Home Politica

Twitter ha segnalato un tweet di Trump come fuorviante

È la prima volta che il social network prende un provvedimento del genere

Twitter ha segnalato un tweet di Donald Trump, facendolo seguire dall’avviso di “verificare i fatti” a cui si riferisce. È la prima volta che un social network prende un provvedimento del genere: la parola del presidente degli Stati Uniti viene messa in dubbio, ridimensionata, sottoposta a fact checking.

Dopo le tante critiche sull’assenza di un protocollo che gestisse notizie false o problematiche pubblicate da personaggi con milioni di follower, l’11 maggio la piattaforma fondata da Jack Dorsey aveva annunciato che avrebbe introdotto un nuovo metodo per combattere la disinformazione in rete, sottolineando in particolare di non voler consentire l’uso del social per “manipolare o interferire nelle elezioni o in altri processi civici”.

Nel post di ieri pomeriggio, Trump scriveva: “There is NO WAY (ZERO!) that Mail-In Ballots will be anything less than substantially fraudulent”, ovvero “Non c’è nessuna speranza che le votazioni per posta non siano sostanzialmente una truffa”. L’accusa riguarda l’ipotesi che alcuni stati propongano il voto per corrispondenza in vista delle presidenziali 2020, come misura precauzionale per combattere la diffusione del coronavirus. Trump aveva appena evocato il rischio di frode elettorale in California: «Il governatore della California sta per inviare delle schede di voto a milioni di persone. A tutti coloro che vivono nello Stato. Poco importa come ci siano arrivati. Dopodiché dei professionisti della politica diranno loro come votare. Tutta gente che non ci aveva neanche mai pensato».

In fondo ai due tweet che contengono il testo, Twitter ha inserito una frase in blu, «leggi la realtà dai fatti sul voto per posta», preceduta da un punto esclamativo: due elementi che segnalano il contenuto come problematico e fuorviante. Il testo rimanda a un articolo di CNN che spiega imprecisioni e forzature del tweet di Trump.

Un portavoce di Twitter ha spiegato al New York Times che i tweet di Trump sul voto postale «contengono informazioni potenzialmente fuorvianti sulle modalità di voto e sono state etichettate per fornire ulteriore contesto».

Immediata la risposta di Trump tramite tweet. “Twitter sta interferendo nelle elezioni presidenziali 2020. Stanno dicendo che la mia dichiarazione sul voto per posta, che porterà ad una massiccia corruzione e alla frode, non è corretta, basandosi sul fact-checking delle Fake News di Cnn e Washington Post“, ha scritto. “Twitter sta sopprimendo la libertà di parola e io, come presidente, non lo consentirò!”, ha aggiunto.

Leggi anche