Home Politica

Trump si è lamentato con i capi di Twitter perché ha meno follower di Obama

Il presidente degli Stati Uniti ha incontrato il CEO Jack Dorsey perché i suoi numeri sarebbero troppo bassi

Evan Vucci/AP/REX/Shutterstock

Il presidente Trump ha poco meno di 60 milioni di follower su Twitter. Ed è molto. Barack Obama ne ha più di 106 milioni. Ed è molto di più. Questa discrepanza è proprio il tipo di cosa che farebbe infuriare l’attuale occupante della Casa Bianca e, secondo il Daily Beast, lo fa.

“Trump ha ripetutamente discusso con i suoi associati su come Obama abbia più follower di lui su Twitter”, hanno detto due persone vicine a Trump, “anche se – secondo la valutazione di Trump stesso – sia molto meglio su Twitter di quanto lo sia Obama”.

Così, frustrato dai suoi problemi nelle valutazioni della piattaforma, Trump ha portato la questione direttamente al CEO Jack Dorsey durante una riunione quasi segreta alla Casa Bianca martedì. Il Washington Post ha riferito che una “parte significativa” della riunione si è concentrata sulla convinzione del presidente che Twitter abbia intenzionalmente rimosso dei follower dal suo profilo. Il Daily Beast ha riferito, allo stesso modo, che Trump ha trascorso una “quantità eccessiva di tempo a lamentarsi dei suoi follower perduti”.

Dorsey ha risposto sottolineando che qualsiasi diminuzione dei follower è semplicemente il risultato delle operazioni di rimozione di bot e di account falsi.

Qualche ora prima della riunione, Trump ha accusato Twitter di discriminare i conservatori, sostenendo che la piattaforma stia, in qualche modo, “giocando con la politica”, rendendo difficile per gli utenti iscriversi e togliendo di continuo iscritti.

I repubblicani, compreso il presidente, hanno a lungo sostenuto, senza prove concrete, che le piattaforme di social media stiano deliberatamente cercando di limitare la portata degli utenti con idee di destra. A settembre, Dorsey è stato chiamato a testimoniare davanti al Congresso sulla potenziale discriminazione. Ha sottolineato, ancora una volta, che la piattaforma non è di parte contro i repubblicani. “Lasciatemi essere chiaro su un fatto importante e fondamentale”, ha detto. “Twitter non usa l’ideologia politica per prendere decisioni, sia che si tratti di classificare i contenuti del nostro servizio o su come applichiamo le nostre regole”.

Tuttavia, i conservatori di spicco hanno continuato a piagnucolare. Una delle “molte persone” che presentano “grandi lamentele” a cui Trump potrebbe essersi riferito martedì è suo figlio, Donald Trump Jr., che in diverse occasioni si è lamentato di quello che ritiene essere un pregiudizio anticonservatore presente tra le aziende tecnologiche. La maggior parte delle sue teorie sono facilmente sfatate. Il giorno di Pasqua, ha postato su Instagram uno screenshot del fatto che Google non abbia animato la sua homepage per la Pasqua. Come ha sottolineato Ashley Feinberg di HuffPost, in realtà lo ha fatto.

È un peccato che l’incontro di Trump con Dorsey di martedì scorso si sia incentrato sulla sua insicurezza sul fatto che Obama abbia oltre 40 milioni di seguaci in più di lui, dato che ci sono molte cose assolutamente valide di cui il presidente e il CEO di Twitter avrebbero potuto discutere – per esempio, come la piattaforma potrebbe essere utilizzata per influenzare le elezioni del 2020. In realtà, sta già accadendo. Martedì scorso, NBC News ha riferito che un esercito di bot Twitter pro-Trump sia stato arruolato per promuovere l’idea che l’indagine del consigliere speciale Robert Mueller sia una “bufala russa”.

Anche in questo caso, è improbabile che Trump consideri un problema.

Leggi anche