Home Politica

Trump ha proposto “iniezioni di disinfettante” per combattere il coronavirus

"Non credo sia stato sperimentato nei test", ha detto Trump di quella che è ovviamente un'idea folle e potenzialmente mortale

Ieri, durante la conferenza stampa quotidiana sull’emergenza coronavirus, Donald Trump ha suggerito di usare “la luce solare, i raggi ultravioletti o le iniezioni di disinfettante” per curare la malattia – lasciando allibiti un po’ tutti, a partire da medici ed esperti.

Trump ha avanzato la sua “teoria” dopo la presentazione in conferenza stampa di uno studio che dimostrano come il coronavirus non viva a lungo a temperature più calde e muoia velocemente alla luce del sole. Da qui l’idea di Trump di utilizzare i metodi sperimentati in questi test all’interno del corpo umano.

“Supponiamo di colpire il corpo con una luce pazzesca, che siano ultravioletti o solo una luce molto potente, non credo che questo sia stato sperimentato nei test”, ha detto Trump, prima di proseguire chiedendo se, visto che il disinfettante elimina il virus in un minuto, “esiste un modo in cui possiamo fare qualcosa del genere tramite un’iniezione all’interno o quasi una pulizia? Entra nei polmoni, in un numero enorme di polmoni, quindi sarebbe interessante verificarlo”. 

Ovviamente l’idea di iniettare o ingerire disinfettanti è semplicemente folle e pericolosa, visto che si tratta di un comportamento potenzialmente mortale. Dovrebbe essere ovvio, ma evidentemente siamo in periodo storico in cui è il caso di specificarlo, visto che lo propone il presidente degli Stati Uniti. 

Leggi anche