Home Politica

Trump ha detto che se perderà potrebbe lasciare il Paese per la vergogna

"Vi immaginate se perdessi? Che cosa dovrei fare? Dovrei ammettere di aver perso contro il peggior candidato nella storia della politica! Non mi sentirei molto bene. Forse dovrei lasciare il Paese, non lo so"

Melissa Sue Gerrits/Getty Images

Il presidente che doveva far tornare di nuovo grande l’America ha dimostrato per l’ennesima volta, durante un comizio in Georgia, che in realtà ha a cuore soltanto se stesso. Con il numero dei casi di coronavirus che continua a salire e oltre 218mila suoi concittadini morti, Trump ha scelto di lamentarsi di come in caso di sconfitta elettorale contro Joe Biden l’imbarazzo potrebbe fargli decidere di lasciare il Paese.

Certo, l’idea di un’America finalmente libera da Trump è sufficiente a eccitare milioni di persone, ma il narcisismo implicito nelle frasi del presidente è davvero notevole. Trump ha più volte ricordato agli americani quanti sacrifici personali abbia fatto, sia in termini economici che di stile di vita, per ottenere e conservare la presidenza. Secondo la narrativa ufficiale, a motivarlo sarebbe stata la necessità di far tornare grande il Paese. Ma in quest’ultimo comizio ha mostrato ai suoi sostenitori il suo vero volto. 

“Sapete che c’è? Il fatto di dover sfidare il peggior candidato presidente della storia americana mi mette molta pressione”, ha detto Trump. “Vi immaginate se perdessi? Che cosa dovrei fare? Dovrei ammettere di aver perso contro il peggior candidato nella storia della politica! Non mi sentirei molto bene. Forse dovrei lasciare il Paese, non lo so”.

Sempre più disperato e ormai con uno svantaggio a due cifre nella maggior parte dei sondaggi, Trump ha parlato per meno di due ore senza dare il minimo segnale di voler ampliare la sua base di supporto. Solo questa settimana si era rifiutato di condannare la teoria del complotto QAnon, ma venerdì sera il conduttore di Fox News Tucker Carlson ha mentito al suo pubblico affermando che il presidente se ne fosse effettivamente distanziato. A parte la Fox, però, ormai anche i media sono così esausti delle continue sparate del presidente che ormai non ne possono più dei suoi comizi pieni di bugie. 

Questo articolo è apparso originariamente su Rolling Stone US