Home Politica

Tra comizi e partite di golf, Trump ha causato un focolaio di Covid tra le sue guardie del corpo

Gli agenti incaricati di proteggere il presidente si stanno ammalando di coronavirus, e sembra che gli sia stato detto di non parlarne per non fare arrabbiare Trump

AP Photo/Evan Vucci

Mentre il presidente Trump e il vicepresidente Pence insistono col tenere comizi come al solito durante la peggiore pandemia globale dell’ultimo secolo, gli agenti dei servizi segreti incaricati di proteggerli vengono esposti al virus.

Secondo quanto riporta il Washington Post, “decine” di agenti dei servizi segreti hanno contratto il virus o sono stati messi in quarantena negli ultimi due mesi dopo essere stati esposti al contagio mentre si occupavano della sicurezza a comizi politici del Partito repubblicano o mentre accompagnavano il presidente nelle sue attività in Stati dove la pandemia è fuori controllo, come la Florida.

“I servizi segreti non si sono mai trovati di fronte un presidente così determinato nel mettere se stesso davanti a tutto, a prescindere dalle conseguenze anche per le persone che gli stanno intorono”, ha detto al Washington Post Ned Price, un ex analista della CIA ed esperto di sicurezza nazionale. “Continuando a viaggiare come fa, e ignorando le indicazioni per la salute pubblica, sta chiedendo agli agenti di aggiungere ai già grandi rischi professionali una cosa ben diversa da quello per cui sono stati reclutati: il rischio di contagio”.

Il Washington Post ha raccontato di numerosi casi in cui agenti dei servizi segreti hanno contratto il virus o sono stati a contatto con persone positive. Cinque agenti responsabili della sicurezza del presidente durante un suo comizio a Tampa lo scorso luglio sono stati rimpiazzati quando uno di loro è risultato positivo al test per il coronavirus. Poco dopo, altri due agenti hanno mostrati sintomi da COVID-19 dopo aver protetto il presidente mentre faceva golf nel suo club privato di Bedminster, in New Jersey. Lo scorso giugno, a Tulsa, sei membri dello staff e due agenti dei servizi segreti incaricati della sicurezza hanno contratto il virus, costringendo decine di agenti in quarantena prima dell’arrivo del presidente. E anche un viaggio del vicepresidente Pence a Phoenix ha costretto otto agenti dei servizi segreti incaricati della sua sicurezza a fare la quarantena in un hotel perché entrati a contatto con il virus.

Secondo un agente dei servizi di sicurezza intervistato dal Washington Post, gli agenti incaricati della sicurezza del presidente e del vicepresidente sono stati avvertiti di non parlare dei colleghi che sono risultati positivi al coronavirus per evitare di far arrabbiare Trump. Catherine Milhoan, portavoce dei servizi segreti, ha dichiarato che “l’agenzia prende tutte le precauzioni necessarie a proteggere i nostri dipendenti, i nostri protetti e il pubblico dall’esposizione al COVID-19. Precauzioni che includono ma non si limitano al mantenere un appropriata distanza sociale, all’uso di dispositivi di protezione individuale, ai test di routine prima, durante e dopo viaggio ufficiali”.

Ma è chiaro che queste precauzioni finora non sono state abbastanza. E anche se è ben noto che dagli agenti dei servizi segreti ci si aspetta che siano pronti a sacrificare loro stessi per salvare il presidente, il modo spettacolare in cui Trump ha fallito nella sua risposta alla pandemia da coronavirus e la sua insistenza sul continuare a viaggiare e frequentare focolai per i suoi comizi e le sue partite di golf sta esponendo chi dovrebbe proteggerlo a una nemico invisibile e mortale.