Paris Hilton ha confessato di essere stata “strozzata, schiaffeggiata e privata del sonno” al riformatorio | Rolling Stone Italia
Home Politica

Paris Hilton ha confessato di essere stata “strozzata, schiaffeggiata e privata del sonno” al riformatorio

La testimonianza è arrivata nel corso di una battaglia per una legge che regolamenti il settore di collegi e riformatori per adolescenti problematici, dove spesso i ragazzi sono vittime di abusi

Paris-US

Alex Wong/Getty Images

Ogni anno, migliaia di ragazzi vengono mandati in collegi, riformatori e altre strutture del genere contro la loro volontà. Per alcuni è una forma di amore da parte dei genitori, ma l’industria “degli adolescenti problematici”, che generala miliardi di dollari ogni anno, è un terreno di coltura per abusi fisici e psicologici in grado di traumatizzare i ragazzi per il resto della loro vita.

Paris Hilton, che afferma di essere una vittima di tale ambiente, vuole porvi fine. Questo mercoledì l’imprenditrice e star televisiva era a Washington DC per sostenere la causa insieme a vittime, attivisti e a parlamentari Democratici come il senatore Jeff Merkely e il deputato Ro Khanna.

Merkely e Khanna sono i due promotori dell’Accountability for Congregate Care Act, un disegno di legge che verrà presto discusso al Congresso. “Sono fiduciosa che questa legge creerà un mondo in cui tutti i giovani hanno il sostegno necessario e l’opportunità di svilupparsi al meglio e non solo di sopravvivere”, ha detto Hilton.

L’apparizione di Paris Hilton al Campidoglio è arrivata due giorni dopo che ha pubblicato un pezzo di opinione su Washington Post in cui ha raccontato la sua esperienza. Nell’articolo, Hilton racconta di essere stata svegliata nel pieno della notte da due uomini che l’hanno ammanettata – come parte di un “rapimento approvato dai genitori”. All’epoca aveva 16 anni e sarebbe poi finita in quattro diverse strutture per “adolescenti problematici”. “Sono stata strozzata, schiaffeggiata, spiata sotto la doccia, privata del sonno”, racconta. “Sono stata insultata e costretta a prendere medicine senza una diagnosi. In una struttura nello Utah sono stata messa in isolamento in una stanza con le pareti ricoperte di graffi e macchie di sangue”.

Hilton sottolinea come l’ultima volta che il Congresso ha riconosciuto gli abusi che si svolgono in questo tipo di strutture – dove si stima siano ospiti 120milla ragazzi – è stato in un report del 2008. Il report ha scoperto che la gestione delle strutture portava a “morte e abusi” sui ragazzi, ma più di 10 anni dopo queste strutture sono ancora in grado di operare con poca o nessuna trasparenza. Hilton ha chiesto al presidente Biden e al Congresso di emanare una “carta dei diritti” per i giovani che si trovano in questo genere di strutture, e al governo federale di fornire finanziamenti agli Stati così che possano farle pagare per le loro responsabilità. “Assicurarci che i bambini e i bambini problematici siano al sicuro dagli abusi, dall’incuria e dalla coercizione non è un tema dei Repubblicani o dei Democratici”, ha scritto Hilton. “È una questione di diritti umani fondamentali che richiede un’azione immediata. Chi ha il potere ha l’obbligo di proteggere chi non ne ha”.

Mercoledì Hilton ha rinnovato il suo invito all’azione. “L’industria multimiliardaria dei ragazzi problematici è stata in grado di circuire genitori, scuole e servizi sociali per decenni”, ha detto Hilton. “La ragione è che tutto il sistema manca di trasparenza. È chiaro che il sistema di controlli limitati e deboli che varia di Stato in Stato e i requisiti inconsistenti per avere le licenze non stanno funzionando. Serve disperatamente una legge federale e servono fondi per portare a una vera riforma del settore”.

Questo articolo è apparso originariamente su Rolling Stone US