Home Politica

Le bestie contro Mattarella su Twitter, volume 2: il giorno degli omofobi

Per la Giornata contro omofobia, bifobia e transfobia, il Quirinale ha diffuso un comunicato su quanto queste discriminazioni siano contro la nostra Costituzione. E noi abbiamo deciso di fare un piccolo tour tra i commenti

Foto: Luis Cortés on Unsplash

Oggi è la Giornata Internazionale contro omofobia, bifobia e transfobia, ricorrenza riconosciuta dall’Unione europera e dalle Nazioni Unite che si celebra dal 2004, il 17 maggio di ogni anno. L’obiettivo è la sensibilizzazione e prevenzione verso atti di discriminazione e violenza nei confronti di persone omosessuali, bisessuali, transgender.

Prima di tutto, un veloce ripasso su questi vocaboli

Omofobia: discriminazione nei confronti dell’omosessualità e delle persone omosessuali.
Bifobia: intolleranza contro la bisessualità e i bisessuali come gruppo sociale e individui.
Transfobia: avversione verso persone transgender, ovvero persone con un’identità di genere diversa dal loro sesso biologico.
Omofobia, transfobia e bifobia sono considerate, dall’Unione Europea, analoghe al razzismo, alla xenofobia, all’antisemitismo e al sessismo.

Uno studio statistico del 2011 dell’ISTAT ha rilevato che, in Italia, il 2,5% della popolazione si dichiara apertamente omosessuale, bisessuale, transessuale (al fronte di un 15.6% che ha preferito non rispondere e ad un 4% che ha optato per ‘altro’). Anche senza indagare quel 20% con un dizionario più moderno e inerente a certe identità che, probabilmente, andrebbe ad arricchire e allargare le statistiche per la comunità LBGT+, il 2,5% della popolazione corrisponde a 1.5 milioni di italiani. Mettiamolo bene per iscritto: nel 2011 un milione e mezzo di italiani si è dichiarato omosessuale, bisessuale, transessuale (il termine transgender non era ancora entrato nel nostro vocabolario). Sempre secondo l’ISTAT, il 53,7% degli omosessuali/bisessuali italiani dichiara di essere stato discriminato mentre, su un campione di cittadini tra i 18 e 74 anni, l’80,3% degli intervistati riteniene che le persone transessuali fossero molto o abbastanza discriminate.

Nel 2013, sempre per l’IDAHOBIT (acronimo dall’inglese per l’International Day Against Homophobia, Biphobia and Transphobia) il Presidente Giorgio Napolitano dichiarò “come ho più volte ribadito la denuncia e il contrasto all’omofobia devono costituire un impegno fermo e costante non solo per le istituzioni ma per la società tutta”. Anche quest’oggi il Quirinale si è pronunciato sul tema attraverso una dichiarazione ufficiale del Presidente Mattarella. Le parole scelte da Mattarella hanno voluto evidenziare, con forza, come queste discriminazioni siano contro la nostra Costituzione, andando con decisione a stuzzicare quella parte di destra omofoba che è solita strumentalizzare la Costituzione per i propri fini, “le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale costituiscono una violazione del principio di eguaglianza e ledono i diritti umani necessari a un pieno sviluppo della personalità umana che trovano, invece, specifica tutela nella nostra Costituzione e nell’ordinamento internazionale”.

Come pensate abbiano risposto gli italiani a questa dichiarazione?
Per rispondere a questo quesito, abbiamo deciso di fare un piccolo tour tra i commenti postati a un’ora dal rilascio del comunicato del Quirinale sul suo profilo ufficiale di Twitter. Così, per il gusto testare un po’ il polso dei nostri fratelli, compatrioti, bot. E abbiamo deciso di premiare i dieci più artistici.

Uno vale uno
Giornata mondiale contro l’omofobia. Non le sembra giusto pensare a tutti ogni tanto?

Invasioni e invasori
Ma basta con queste pu@@anate! Prima i vostri politici incoscienti fanno entrare quasi 2 milioni di musulmani e poi frignate contro l’omofobia. Che ridere, manco le comiche!

Pensierino
Un pensiero per gli Italiani affamati e vessati no???

Il problema della spazzatura a Napoli?
Munnezz

Consigli dall’esperto
Da esperto di comunicazione posso solo dire che per quanto il principio possa essere sacrosanto, in questo momento proprio il Quirinale, la casa degli italiani, mostra priorità molto sbiadite e contraddittorie. Fornite messaggi sempre meno comprensibili con gli scenari attuali.

L’Italia agli italiani (etero)
Qualche dichiarazione sui morti di fame dei suoi cittadini NO???

Può citare un’altra parte della Costituzione e non questa che non mi piace?
Presidente quando farà una dichiarazione a difesa degli italiani e della costituzione?

Specismo

Pensa solo alle cazzate questa specie di presidente

#outingMattarella
Si preoccupi delle persone normali, le quali non se le vanno a cercare. Quando sento certe sue dichiarazioni, divento omofobico nei suoi confronti, Presidente!

Paziente zero
MATTARELLA ZOMBO MALEDETTO LA COLPA È SOLO TUA DI QUELLO CHE È SUCCESSO. DIMETTITI

Leggi anche