Home Politica

L’assurdo grafico del governo sulle prossime fasi della pandemia

Dalla "fase 1" siamo passati alla "fase 2A", poi ci aspettano la "fase 2B", la "fase 3" e la "fase 4", sempre sperando di non tornare indietro

CDC/Getty Images

Come certo sapete, ieri sera il premier Conte ha annunciato cosa ci aspetta nella famosa “fase 2” dell’emergenza coronavirus. Ciò che forse non sapete ma di certo immaginate è che questa “fase 2” non sarà l’ultima prima del ritorno alla normalità. Quello che invece non sapete e di certo non immaginate nemmeno è come sarà questo percorso per tornare alla normalità: un percorso a ostacoli, una gimcana, un gioco dell’oca. 

Nascosto nelle ultime pagine del dpcm presentato ieri, infatti, c’è l’allegato 10: un poco pratico e complicatissimo schemino che ci mostra esattamente come procederemo da una fase all’altra, eventualmente tornando indietro a una precedente, e poi avanzando di nuovo, e così via. È un diagramma di flussi tutti intrecciati tra “fase 1”, “fase 2A”, “fase 2B”, “fase 3” e “fase 4” ed è stato chiaramente elaborato da una persona che negli ultimi giorni ha bevuto troppo caffè.

Allora, ecco un riassunto breve per chi non avesse voglia di stare a seguire le frecce: il lockdown era la “fase 1”. Nel momento in cui “sono presenti i requisiti minimi di qualità della sorveglianza epidemiologica”, bisogna valutare se sono soddisfatti una serie di criteri per passare alla “fase 2A”, ovvero la “transizione iniziale”.

Durante la “fase 2A” bisogna valutare di nuovo periodicamente questi criteri e in caso vengano a mancare si torna indietro, ma nel frattempo si valuta anche se sono soddisfatti altri criteri per passare alla “fase 2B”, la “transizione avanzata” al termine della quale ci dovrà essere “accesso diffuso a trattamenti e/o a un vaccino efficace [sic]”. Se non ci sarà si resta nella “fase 2B”, se ci sarà si passa alla “fase 3” o del “ripristino”, su cui non ci sono dettagli se non che finisce con la fine della pandemia – passando alla “fase 4”. 

Insomma, tutto chiaro no? Abbiamo capito a cosa servivano tutte quelle task force.