Home Politica

Joe Biden: “La democrazia è sotto un attacco senza precedenti”

Il presidente eletto ha parlato alla nazione mentre la folla di sostenitori di Trump attaccava il Campidoglio: "Questa non è una protesta, è un'insurrezione"

Tom Brenner/Getty Images

Mentre la polizia di Washington disperdeva la folla pro-Trump che aveva assaltato il Campidoglio proprio mentre il Congresso certificava il risultato delle elezioni presidenziali del 2020, il presidente eletto Joe Biden ha parlato alla nazione da Wilmington, nel Delaware. “In questo momento la nostra democrazia è sotto un attacco senza precedenti, diverso da tutto ciò che abbiamo visto in tempi moderni”, ha detto Biden. “Un assalto alla cittadella della libertà: il Campidoglio. Un assalto contro i rappresentanti del popolo e contro la polizia che ha giurato di proteggerli e contro chi lavora nel cuore della nostra repubblica. Un assalto contro la legge di cui raramente si è visto qualcosa di simile. Un assalto contro la cosa più sacra per gli americani: la gestione degli affari pubblici”.

Biden ha fatto appello ancora una volta all’unità, come aveva già fatto durante la sua campagna elettorale, e ha chiesto al presidente Donald Trump di dire ai suoi sostenitori di ritirarsi. “Già in passato me l’avete sentito dire in un altro contesto: le parole di un presidente sono importanti, non importa se il presidente è stato buono o cattivo. Nel migliore dei casi le parole di un presidente possono ispirare. Nel peggiore, possono incitare”, ha detto Biden. “Quindi, chiedo al presidente Trump di andare subito in televisione e prestare fede al suo giuramento di difendere la Costituzione e chidere che si ponga fine a questo attacco”.

“Assaltare il Campidoglio”, ha continuato Biden, “spaccare finestre, occupare uffici, occupare il Senato degli Stati Uniti, frugare tra le scrivanie, minacciare la sicurezza di rappresentanti eletti – questa non è una protesta, è un’insurrezione”.

Biden è sembrato rivolgersi ad alcuni senatori Repubblicani come Josh Hawley, Ted Cruz e James Lankford che, nel momento in cui i manifestanti sono entrati nel Campidoglio, stavano obiettando (senza alcun fondamento) che i risultati delle elezioni non andassero certificati per presunti brogli. “Oggi è un avvertimento – doloroso – che la democrazia è fragile. Per preservarla ci vogliono persone di buona volontà, leader con il coraggio di esporsi, a cui interessa non solo la ricerca del potere o dell’interesse personale ma il bene comune”, ha detto Biden. 

E ha terminato il discorso: “Non c’è mai stato niente che non possiamo fare quando siamo tutti uniti. Lo spettacolo orribiel di oggi deve servire a far capire a ogni Repubblicano, Democratico e Indipendente che è il momento di fare un passo in più. Questi sono gli Stati Uniti d’America. Non c’è mai, mai, mai, mai stato qualcosa che abbiamo provato a fare mettendoci tutti insieme e che non siamo riusciti a fare. Quindi, presidente Trump, fai un passo in più”.

Questo articolo è apparso originariamente su Rolling Stone US