Il leader No Vax Nicola Franzoni è stato arrestato | Rolling Stone Italia
Home Politica

Il leader No Vax Nicola Franzoni è stato arrestato

Gestisce un canale Telegram con più di 10mila iscritti che diffonde disinformazione su vaccini e covid e, in passato, ha proposto di realizzare un campo hobbit vicino Roma

Oggi la procura di Roma ha emesso 5 nuove misure cautelari per i fatti del 9 ottobre dello scorso anno, quando un corteo – guidato dal movimento di ristoratori #IoApro e animato da diversi gruppi di estrema destra e contrari ai vaccini – ha raggiunto la sede romana della CGIL, prendendola d’assalto (un episodio che, per alcuni versi, ha ricordato l’aggressione trumpista al Campidoglio andata in scena il 6 gennaio del 2021).

Tra gli arrestati c’è anche un personaggio un po’ ambiguo che, negli ultimi mesi, ha fatto parlare di sé per alcune azioni abbastanza eclatanti: Nicola Franzoni, esponente di spicco di Forza Nuova e personalità parecchio conosciuta nella cerchia dei movimenti contrari ai vaccini anti-covid.

Imprenditore 43enne del settore della ristorazione, nato a Lerici e residente a Marina di Carrara, Nicola Franzoni è in prima fila nelle proteste da inizio pandemia. La sua fama è cresciuta esponenzialmente soprattutto grazie alle sue abilità comunicative: il suo canale Telegram conta più di 10mila iscritti ed è famoso per la diffusione di notizie false o tendenziose su vaccini e Green Pass e misure anti-contagio. Un altro suo tormentone è quello relativo all’esistenza di alcune “lobby ebraiche” parecchio pervasive che, a sua detta, eserciterebbero un certo ascendente sulle case farmaceutiche.

Ha fatto parte del comitato organizzativo della manifestazione “Marcia su Roma” del maggio 2020, a seguito della quale è stato denunciato (tra le altre cose) per vilipendio alla Repubblica e apologia di fascismo. A febbraio, ospitato da Massimo Giletti a Non è l’Arena, si era scagliato contro gli italiani paragonandoli a un «popolo di codardi».

Nei tempi più recenti, hanno creato molto scalpore le sue parole di dileggio nei confronti di David Sassoli, presidente del Parlamento europeo e giornalista deceduto l’11 gennaio. Franzoni lo aveva definito uno «stronzo» e aveva commentato il suo decesso con «un testa di cazzo in meno».

 

Franzoni è anche l’organizzatore di un’iniziativa abbastanza “folcloristica” e reazionaria, ossia il cosiddetto “campo Hobbit”, che avrebbe dovuto inaugurare nei giardini di Rocca di Papa e in cui nazionalisti, estremisti di destra e no vax si sarebbero dovuti incontrare per allenarsi a combattere il governo. Evento anche questo mai realizzato, dopo il divieto della Questura e l’intervento delle istituzioni. Nel suo profilo Facebook lo definiva come un “Campo Woodstock della libertà”. «Questo è il posto dove ci dobbiamo accampare, dobbiamo occupare tutta questa zona, che tanto è pubblica, e creare il più grande Campo Hobbit della storia. Dal 10 al 13 febbraio vogliamo portare qua un milione di persone. Non ce lo possono impedire: qui, in maniera bucolica, raduniamo l’esercito», diceva in un video postato sul suo canale Telegram.