Home Politica

Guarda Salvini che viene contestato alla protesta dei ristoratori

"Noi non lo abbiamo invitato, doveva essere una manifestazione senza che nessuno ci mettesse sopra il cappello", hanno detto gli organizzatori. "Buffone, buffone", hanno detto i manifestanti

Samantha Zucchi/Insidefoto/Mondadori Portfolio via Getty Images

Salvini è probabilmente il politico italiano con il peggior rapporto col cibo, almeno a giudicare dai sui social. Adesso abbiamo un tassello in più in questo rapporto: ieri l’ex ministro dell’Interno ha partecipato a una manifestazione di piazza a Roma organizzata dai ristoratori che protestano contro le restrizioni imposte dal governo per contenere il contagio da coronavirus. Ma i ristoratori non hanno gradito la sua presenza.

“Noi non lo abbiamo invitato”, ha detto Sergio Paolantoni, presidente della sezione di Roma di Fipe Confcommercio che ha organizzato la manifestazione. “Doveva essere una manifestazione senza che nessuno ci mettesse sopra il cappello”. Evidentemente è stato questo a scatenare una selva di “buu” e di “buffone” da parte dei partecipanti, mentre Salvini si metteva a parlare con alcuni manifestanti davanti alle telecamere dei giornalisti presenti. 

La protesta, con lo slogan “Siamo a terra”, era nata per protestare contro la chiusura alle 18 di bar e ristoranti imposta dal governo con l’ultimo Dpcm. Già duramente provati dal lockdown di marzo, i ristoratori vedono le nuove norme come un altro duro colpo alle loro attività. In diverse piazze italiane sono state apparecchiate delle tovaglie per terra, senza tavolo, come metafora del fatto che la ristorazione è a terra.