Guarda l’ologramma di Zelensky che cita ‘Star Wars’: «Sconfiggeremo l’Impero» | Rolling Stone Italia
Home Politica

Guarda l’ologramma di Zelensky che cita ‘Star Wars’: «Sconfiggeremo l’Impero»

Ieri l'ologramma del presidente ucraino è apparso durante la conferenza VivaTech a Parigi, per chiedere il sostegno delle grandi aziende tecnologiche alla sua causa. Nel suo discorso, ha citato a più riprese la celebra saga di George Lucas

Foto dal profilo Twitter del Kiyv Independent

Da mesi gli analisti prestano una particolare attenzione la dimensione ‘cyber’ della guerra in Ucraina, tra eserciti di hacker reclutati su Telegram e offensive informatiche ai danni dei sistemi di difesa di alcuni Stati. Anche l’ultimo intervento Zelensky si inserisce alla perfezione in questa cornice: ieri l’ologramma del presidente ucraino è apparso durante la conferenza VivaTech a Parigi, per chiedere il sostegno delle grandi aziende tecnologiche alla sua causa.

L’uomo simbolo dell’Ucraina ha scelto di ricorrere questo particolare sistema nella speranza di perseguire un duplice obiettivo: da un lato, mantenere alto il livello dell’attenzione rivolta al conflitto (che rischia altrimenti quasi inevitabilmente di scemare); dall’altro, chiedere all’Europa di continuare a investire sul futuro del paese, in primis sul fronte del digitale.

Nel suo discorso, Zelensky non ha fatto mancare qualche riferimento alla cultura pop, in particolare alla saga di Star Wars: «È insolito che presidenti o capi di governo utilizzino un ologramma per rivolgersi in pubblico – ha detto –, ma questo non è l’unico aspetto di Star Wars che stiamo mettendo in pratica: sconfiggeremo anche l’Impero» – un chiaro parallelismo tra l’Impero Galattico e il regime di Putin. Poi il presidente ucraino, parlando dei progetti digitali del suo Paese, ha spiegato: «Nessun altro Paese al mondo vi offrirà una tale possibilità di utilizzare le tecnologie più avanzate a livello statale. È un esperimento, una rivoluzione digitale e la modernizzazione del sistema attuale, tutto allo stesso tempo».

Qui il discorso integrale: