Home Politica

Femen: «Salvini, il prossimo potresti essere tu»

Abbiamo intervistato la ragazza che ha protestato contro Berlusconi durante le elezioni: «In una vera democrazia un uomo del genere non potrebbe mai cercare di tornare al potere».

«A Femen siamo molto felici del risultato della contestazione, non ci aspettavamo una copertura mediatica così massiccia», racconta dall’altro capo del telefono la voce amichevole di Mélodie, la ragazza francese apparsa sulle testate di mezzo mondo durante il weekend elettorale grazie al suo gesto di protesta diretto a Silvio Berlusconi. Il suo viso è girato così tanto in rete che, se candidata, Mélodie avrebbe forse preso gli stessi voti del Partito Democratico; una protesta capace, almeno per qualche minuto, di spezzare il sorriso collaudato del Cavaliere mentre si apprestava ad accogliere i flash presenti al seggio, con i fotografi famelici di immortalare il ritorno alle urne del leader di Forza Italia. «Il quattro marzo non era solo la data delle elezioni politiche in Italia – continua Mélodie – ma anche il giorno internazionale della lotta contro lo sfruttamento sessuale, giornata di cui moltissime persone ignorano l’esistenza. Il giorno perfetto per dire a Berlusconi che il suo tempo è scaduto, che è finito il tempo del sessismo».

Com’è nata l’idea di una nuova protesta contro Berlusconi. Anche nel 2013 Femen aveva manifestato contro di lui.
Rispetto al 2013 oggi stiamo vivendo un’epoca in cui le voci delle donne suonano più forte. È il periodo del movimento #MeToo, del Time’s Up, per cui volevamo gridare che il tempo del sessismo e della misoginia è finito. Ovviamente il messaggio che noi portiamo è contrario al sessismo e Berlusconi è un uomo conosciuto per i suoi comportamenti fortemente sessisti, l’ultimo contro Sofia Bettiza, quando ha detto alla giornalista che nessuno l’avrebbe mai sposata per la sua stretta di mano. Ricordo anche quando non disse nulla in difesa di Laura Boldrini, che per aver semplicemente denunciato il sessismo, affermando le sue posizione femministe, era stata minacciata di morte. Parlando poi di sfruttamento sessuale, Berlusconi è anche conosciuto per il suo uso di prostitute, per i suoi sex party con ragazze minorenni: non ci siamo dimenticate del Rubygate, non ci dimentichiamo di tutte le giovani ragazze che ha sfruttato. Non abbiamo bisogno di questo tipo di politici nel mondo.

FEMEN : Berlusconi, sei scaduto !

Berlusconi, sei scaduto!
Berlusconi, Time's Up!

On this day of Italian legislative election, the international day of fight against sexual exploitation, Femen faced il cavaliere Berlusconi to announce him that his time was exceeded. TIME'S UP on Berlusconi. Time's up on sexism!

Berlusconi has a long political career, made of corruption and sexism with infamous sex parties with underaged girls, frequent use of prostitution , as well as outrageously sexist comments about women. The latest incident came only few days ago when he told BBC journalist Sofia Bettina that "no one will marry her" because of her strong handshake.

But Femen does not forget and does not forgive. We face Berlusconi now a second time as he attempts to get back to power. Femen does not forget the Rubygate, does not forget the exploitation of young girls, does not forget the misogynistic attacks, does not forget the coalition with the extreme right wing, does not forget the fascistic words (" Mussolini did not kill opponents, he sent them on holiday in exile").

As women's voices sound louder this year year and demand more, today, as we protest, we do not forget that Asia Argento, the first woman to lodge a complaint against Harvey Weinstein, had to leave her native Italy. We do not forget Laura Boldrini, President of the Chamber of Deputies, who for denouncing sexism and affirmed her feminist positions has received death threats.
Because time's up on sexism and misogyny! Time's up on those like Berlusconi.

So on this day of elections, together with the women of the world we tell il cavaliere that his time is over!
Berlusconi, sei scaduto!

—–

Berlusconi, il tempo è scaduto
Berlusconi, sei scaduto

En ce jour d’élection italienne, journée internationale de lutte contre l’exploitation sexuelle, une activiste Femen a interpellé il cavaliere pour lui faire comprendre que son temps était dépassé. TIME’S UP.

Berlusconi a derrière lui une longue carrière, faite de corruption, de chantage, de main mise sur la presse nationale et les communications,de sexisme, d’organisations de soirées a but sexuel avec des jeunes filles mineures, d’usage fréquent de la prostitution, et tant d’autres faits qu’il serait difficile d’en faire un seul article.

Mais Femen n’oublie pas. Femen n’oublie pas le Rubygate, n’oublie pas l’exploitation de jeunes filles, n’oublie pas les attaques misogynes, n’oublie pas non plus la coalition avec l’extrême droite, n’oublie pas les paroles fascisantes ( « Mussolini n’a pas tué d’opposants, il les a envoyé en vacances en exil », ironie macabre d’un sombre cavalier ).

En cette année chargée par la libération de la parole des femmes, et aussi de l’écoute de cette parole, nous n’oublions pas qu’Asia Argento, première femme à avoir porté plainte contre Harvey Weinstein, a dû quitter son Italie natale. Nous n’oublions pas Laura Boldrini, présidente de la chambre des députés, qui pour avoir dénoncer le sexisme et affirmé ses positions féministes a reçu des menaces de mort.
Car oui, là où rôde l’extrême droite, rode le sexisme. Et la mort guette les femmes qui tentent de se libérer.

Alors en ce jour d’élections, rappelons que le temps des cavalieri est terminé!
Berlusconi, sei scaduto!
TIME’S UP!

—-

Berlusconi, il tempo è scaduto, Berlusconi sei scaduto.

In questa giornata di elezioni italiane, giornata internazionale contro lo sfruttamento sessuale, un'attivista Femen interpella il cavaliere per dirgli che il suo tempo è finito. TIME'S UP.

Berlusconi ha dietro di lui una lunga carriera fatta di corruzione, ricatti, mano messa sui media e le communicazioni nazionali, organizzazione di serate a carattere sessuale con ragazze minoreni, uso frequente della prostituzione, e talmente altre fatti che sarebbe difficile riunirli in un articolo solo.

Ma Femen non dimentica. Femen non dimentica il Rubygate, non dimentica lo sfruttamento di ragazze, non dimentica gli attachi misogini, non dimentica nemmeno la coalizione con l'estrema destra, non dimentica le parole fasciste (" Mussolini non ha mai ammazzato nessuno, Mussolini mandava la gente a fare vacanza al confino" macabra ironia di un oscuro cavaliere ).

In queso anno carico dalla liberazione della parola delle donne, e dell'ascolto di questa parola, non dimentichiamo che Asia Argento, primo donna ad aver presentato una denuncia contro Harvey Weinstein, ha dovuto lasciare la sua Italia natale. Non dimentichiamo Laura Boldrini, presidente della camera dei deputati che, per aver denunciato il sessismo e aver affermato posizioni feministe ha ricevuto minacce di morte.

Perché dov'è l'estrema destra e il fascismo è anche il sessismo.
E la morte è in agguato per le donne che provano a liberarsene. Allora in questa giornata di elezioni, ricordiamoci che il tempo dei cavalieri è finito !

Berlusconi sei scaduto !
Time's up !

Pubblicato da FEMEN su domenica 4 marzo 2018


Nel 2013, poi, non eravate riuscite ad arrivare così vicino a Berlusconi e sono in molti a chiedersi come tu ci sia riuscita.
In realtà non parliamo mai dei dettagli delle nostre tattiche. Potrei dirtelo solo se tu fossi un’attivista Femen, (ride). Posso dirti però che sono salita sul tavolo di proposito, in modo che Berlusconi alzasse lo sguardo per vedermi, in modo che per una volta guardasse una donna dal basso all’alto. Tuttavia, come puoi vedere dal video, lui si è subito reso conto di cosa stava succedendo: si è reso conto di trovarsi davanti a una Femen, non davanti a un corpo inteso come oggetto sessuale – com’è sua abitudine – ma davanti a un corpo ‘politico’ che stava manifestando contro di lui. Ha abbassato lo sguardo ed è fuggito come un codardo.

E dopo la protesta? Cosa ti è successo? Ho letto che sei stata arrestata con diverse accuse.
In realtà mentre ti parlo mi trovo ancora sotto custodia della polizia: non sarò libera finché non partirà il mio volo, alle 9 di questa sera, finché gli agenti non mi scorteranno direttamente sull’aereo. Non ho ancora mangiato e non lo farò finché non mi libereranno. Le accuse contro di me sono resistenza all’arresto, disturbo di un’elezione e disobbedienza al presidente del seggio. Inoltre, e per questo sono davvero triste, non potrò entrare in Italia per i prossimi cinque anni. Onestamente credo che per il Paese sarebbe meglio che fosse Berlusconi a non poter entrare in Italia per i prossimi cinque anni e non io ma sai… così è la vita. (L’intervista è stata fatta alle 14 del 6 marzo 2018, nda)

CHARGES !

FR ⬇️ IT⬇️

The Femen activist who confronted Berlusconi this afternoon is presently in police custody. The…

Pubblicato da FEMEN su domenica 4 marzo 2018


Sulla pagina Facebook di Femen ho letto una frase, in cui Berlusconi è definito ‘incompatibile’ con la democrazia.
Con quella frase non intendiamo che Berlusconi sia contrario alla democrazia in sé, al fatto che le persone possano votare. Abbiamo scritto quella frase come risposta alla sua affermazione, in cui diceva che Femen aveva interrotto l’elezione e che per questo stava “disturbando” la democrazia. In una vera democrazia, a questo tizio che fa uso di prostitute, che è stato indagato per corruzione e scandali sessuali, forse – e sottolineo forse – non dovrebbe nemmeno essere consentito di cercare il ritorno al potere. Abbiamo voluto puntare il dito contro il fatto che, anche se non eleggibile, Berlusconi è ancora potentissimo e ancora guida il suo partito, potrebbe ancora governare, anche se non ufficialmente.

Negli ultimi anni il movimento Femen è diventato sempre più conosciuto, soprattutto per le proteste rivolte a figure di spicco della politica come Putin, Trump o Marine Le Pen. Credi che questo genere di manifestazioni possa davvero cambiare le cose?
Da un lato ci speriamo, ma dall’altro temo di no. Noi vogliamo che le persone si rendano conto di certe questioni, di quello che pensiamo riguardo certe figure politiche o certi casi che non sono così conosciuti come il problema di Trump. Molte situazioni non hanno nessuna copertura mediatica, fatti di cui le persone nemmeno parlano ma che noi cerchiamo di diffondere il più possibile tramite i social. Il nostro primo compito è portare tutto ciò alla luce e dire no, non siamo d’accordo su certi comportamenti o decisioni che vengono prese dalla politica.

Abbiamo protestato contro Marine Le Pen durante le elezioni francesi, una donna certo, ma anti femminista. Ovunque l’estrema destra raccolga la maggioranza dei voti, ciò significa anche meno controllo per le donne sul proprio corpo. Guarda cosa sta succedendo in Polonia riguardo l’accesso all’aborto: è esattamente ciò che vuole Marine Le Pen, l’estrema destra italiana o di qualunque parte del mondo. Non è un caso, infatti, che Berlusconi abbia formato una coalizione proprio con l’estrema destra.

Credi che nell’era del post Weinstein le persone, e i politici in particolare, siano più sensibili agli argomenti femministi?
Mi piacerebbe dirlo ma non credo sia così. Certamente ora c’è più attenzione ed è certamente un bene che le voci delle donne siano più ascoltate che in passato. Tuttavia credo sia necessario fare ancora molto di più e che si debba giudicare i fatti per quelli che sono: non possiamo dire che ci sia più ‘amore’ da quando è iniziato il movimento #Metoo, circa sei mesi fa. È un ottimo risultato ma è solo un inizio, non credo che ora la gente sia più femminista.

Come vedi i risultati delle elezioni italiane? Ti ha sorpreso l’affermazione di Salvini, un uomo che spesso ha usato frasi sessiste contro rivali politici o la paura per i migranti come propaganda?

Posso dirti che persone come Salvini sono il nostro obbiettivo potenziale. Il che significa che ogni volta che esibiranno comportamenti o decisioni incoerenti con la democrazia, Femen si farà sentire. Ieri è stato Berlusconi, domani potrebbe essere un politico del Movimento Cinque Stelle o di qualunque altro partito. Il messaggio sarà quello che abbiamo sempre gridato: ovunque c’è estrema destra – che sia contro i migranti, contro la libertà delle donne o contro i diritti umani – noi saremo pronte a combattere. Ho un ultimo messaggio per le donne italiane: ribellatevi e iniziamo a creare Femen Italia!

Leggi anche