Home Politica

Cosa significa la morte di Ruth Bader Ginsburg per la politica americana

Non è una buona notizia: se Trump riuscirà a nominare un giudice per rimpiazzarla, i Repubblicani potrebbero controllare la Corte Suprema per una generazione e colpire il diritto all'aborto, i diritti LGBT e l'Obamacare

Nikki Kahn/The Washington Post via Getty Images

Non è una buona notizia. Gli Stati Uniti hanno appena perso una delle loro cittadine più importanti. Una donna che ha dedicato quasi ogni secondo della sua vita professionale a rendere il Paese migliore, più giusto, più equo. Ha lavorato fino alla fine. E sul suo letto di morte, ha consegnato alla nipote la frase che segue: “Il mio desiderio più forte è non essere rimpiazzata prima che venga eletto un nuovo presidente”.

Perché ha espresso quest’ultimo desiderio prima di morire? Perché sapeva esattamente che cosa avrebbe voluto dire un nuovo giudice della Corte Suprema scelto da Donald Trump – una Corte Suprema a maggioranza conservatrice per decenni, una riduzione dei diritti delle donne, la fine della legalità dell’aborto a livello nazionale, il ritorno all’era pre-diritti civili per quanto riguarda le leggi anti-discriminazione, il via libera a una stagione di brogli e interferenze elettorali. E la lista potrebbe andare avanti, ma alla fine si riduce a una cosa sola: un nuovo giudice scelto da Trump vorrebbe dire una nuova Corte Suprema che distruggerebbe tutto ciò per cui Ruth Bader Ginsburg ha lavorato nella sua vita.

Cominciamo dall’ovvio: l’aborto. Già quest’estate, la Corte Suprema ha votato 5-4 per eliminare una leggere che restringeva il diritto all’aborto in Louisiana. Ma i 5 giudici a favore – Roberts e i quattro giudici liberal, Ginsburg compresa – hanno espresso seri dubbi riguardo alla loro capacità di proteggere il diritto di aborto in futuro. Entrambi i giudici nominati da Trump, Bret Kavanaugh and Neil Gorsuch, hanno votato per mantenere la legge. 

I Repubblicani sognano di rimpiazzare Ginsburg proprio per questo motivo – con un nuovo giudice nominato da Trump e contrario all’aborto, nella Corte Suprema ci sarebbero sei voti contro il diritto all’aborto. Questo permetterebbe a uno di questi giudici, probabilmente  Roberts, di schierarsi con i liberal a difesa della Roe vs Wade. Ma è difficile immaginare che altri giudici conservatori possano fare lo stesso – i giudici Thomas e Alito sono apertamente contro la Roe vs WadeDopo il voto di quest’estate, il giudice Gorsuch ha avanzato seri dubbi sulla possibilità di un suo voto a favore della protezione del diritto all’aborto, e lo stesso ha fatto il giudice Kavanaugh. In altre parole, con sei giudici conservatori nella Corte Suprema, l’abrogazione della Roe vs Wade, se non è certa, è quantomeno estremamente probabile.

Oltre all’aborto, un nuovo giudice nominato da Trump sarebbe un colpo devastante per i diritti civili. Ci sarebbe un sesto voto a favore per esezioni su base morale e religiosa dalle leggi federali, incluse le leggi contro le discriminazioni. Ci sarebbe un sesto voto contro l’inserimento della protezione delle persone LGBT nella Costituzione. Ci sarebbe un sesto voto contro l’affirmative action. Ci sarebbe un sesto voto a favore di chi afferma che la Costituzione non protegge contro le discriminazioni di genere perché i suoi autori del 14esimo emendamento stavano pensando solo alle discriminazioni razziali. Le decisioni di questa nuova Corte Suprema avrebbero un impatto profondo sulla vita di donne, neri, persone LGBT, persone con disabilità, anziani, poveri, veterani e molte altre categorie. E l’impatto riguarderebbe praticamente ogni aspetto della vita, dal lavoro al diritto alla casa, dall’educazione ai servizi pubblici.

Per essere chiari, nessuna di queste cose è sicura al 100%. È possibile che i due giudici conservatori che hanno votato insieme ai quattro giudici liberal quest’estate riguardo al proteggere le persone LGBT con la legge anti-discriminazioni continueranno a schierarsi in favore dei diritti LGBT anche con un giudice in più nominato da Trump. Ma è molto difficile che succeda una volta che nella Corte Suprema ci saranno sei giudici conservatori. È molto più probabile che la nuova maggioranza conservatrice rimanga tendenzialmente unita o abbia di tanto in tanto un giudice che si schiera con i liberal, mantenendo comunque la maggioranza dei voti. 

E c’è di più! Anche la sanità è in gioco. Per ben due volte, il Presidente della Corte Suprema ha fornito il quinto voto per mantenere in vigore l’Obamacare. Ma il destino della legge si trova per l’ennesima volta di fronte alla Corte Suprema, con il prossimo voto previsto per il 10 novembre. Se ad ascoltare il caso saranno solo 8 giudici, il Presidente e i tre liberal rimasti non basterebbero a proteggere la legge, perché si confermerebbe il verdetto del grado di giudizio precedente che l’ha giudicata incostituzionale. Oppure, il caso potrebbe essere rimandato a dopo che sarà nominato il nuovo giudice, il che vorrebbe dire rimandato a una Corte Suprema con una maggioranza di giudici conservatori in grado di abrogare la legge – cosa che per anni è stato il sogno dei Repubblicani.

Per chi si ricorda le elezioni del 2000, con la Corte Suprema chiamata a intervenire nel famoso caso Bush vs Gore, un nuovo giudice nominato da Trump potrebbe aiutare il Presidente ad avere la Corte dalla sua anche in una situazione simile dopo le elezioni. Con tutti i dubbi che Trump sta già agitando intorno al prossimo risultato elettorale, salvo una vittoria netta di Biden è probabile che l’esito delle elezioni possa essere deciso da una sentenza della Corte Suprema. 

Finché tra i giudici c’era Ruth Bader Ginsburg, c’era speranza che il giudice Roberts decidesse di schierarsi con i quattro giudici liberal per proteggere l’integrità delle elezioni dalle macchinazioni elettorali di Trump. Ma se Ginsburg sarà rimpiazzata da un giudice conservatore scelto da Trump prima che il risultato delle elezioni arrivi di fronte alla Corte Suprema, è quasi certo che la Corte si schierarà in favore del Presidente a prescindere. I giudici Thomas e Alito sono praticamente sempre fedeli alla linea del partito Repubblicano, e gli altri tre giudici dovrebbero il loro posto nella Corte Suprema a Trump. È difficile immaginare che il risultato non siano cinque voti garantiti per Trump.

Ci sono così tante questioni in gioco – l’ambiente, l’economia, la sicurezza, la pena di morte. Praticamente ogni questione politica negli Stati Uniti prima o poi finisce di fronte alla Corte Suprema. Già prima della morte di Ruth Bader Ginsburg la Corte Suprema era una delle più conservatrici della storia del Paese. Ma anche così, questa Corte Suprema molto conservatrice ci ha fatto delle sorprese in senso progressista. Dopo la morte di Ruth Bader Ginsburg, però, se Trump riuscisse a nominare un nuovo giudice, queste sorprese sarebbero definitivamente finite. E vista l’età dei giudici conservatori della Corte Suprema, ci vorrebbero decenni prima di poter nutrire qualche speranza di vederne altre o di riprendere il controllo della Corte.

Ma non tutto è perduto. Mentre scrivo questo pezzo, i senatori Murkowski e Collins hanno fatto sapere che non voteranno per confermare un eventuale giudice nominato da Trump a meno che la nomina non avvenga dopo la rielezione del Presidente. E il senatore Grassley ha fatto sapere di pensarla in modo simile. D’altra parte, però, il leader repubblicano al Senato Mitch McConnell ha rilasciato una dichiarazione in cui promette di trovare per Trump i voti necessari a una nomina.

Per cui, l’ultimo desiderio di Ruth Bader Ginsburg è ora nelle mani di un piccolo numero di senatori repubblicani “moderati”. Se quattro di loro si uniranno ai 47 senatori democratici e voteranno contro la nomina di Trump, il suo ultimo desiderio verrà esaudito. Se non lo faranno, praticamente tutto ciò per cui ha lavorato nella sua vita verrà cancellato negli anni a venire. 

Questo articolo è apparso originariamente su Rolling Stone US