Cosa sappiamo sulla nuova variante Omicron, identificata in Sudafrica | Rolling Stone Italia
Home Politica

Cosa sappiamo sulla nuova variante Omicron, identificata in Sudafrica

Sappiamo molto poco, ma quel poco che sappiamo fa molta paura: potrebbe essere molto contagiosa e resistente ai vaccini esistenti

Foto CDC/Getty Images

Le autorità sanitarie del Sudafrica hanno annunciato ieri di aver rilevato nel Paese una nuova variante del SARS-CoV-2 che sta causando notevole preoccupazione perché contiene molte mutazioni ed è possibile che sia resistente agli anticorpi e ai vaccini esistenti. 

La variante – il cui nome scientifico è B.1.1.529 e a cui è stata attribuita come da prassi una lettera greca, in questo caso la Omicron – è stata per ora rilevata in Sudafrica, Botswana e ad Hong Kong, in due passeggeri provenienti dal Sudafrica. Diversi Paesi, tra cui l’Italia, hanno già annunciato per precauzione la chiusura dei confini e la sospensione dei voli provenienti dai Paesi dell’Africa meridionale.

Secondo il ministro della Sanità sudafricano Joe Phaahla la nuova variante è fonte di “seria preoccupazione” ed è potenzialmente “una grave minaccia”. Nell’ultimo mese il numero dei nuove infezioni di Covid in Sudafrica è aumentato di circa 10 volte, passando da una media di un centinaio di casi a oltre 1200. La nuova ondata è attribuita alla comparsa della nuova variante.

L’OMS ha convocato per oggi una riunione di emergenza per valutare la variante e determinare se dovrà essere designata come “variante di interesse” o come “variante causa di preoccupazione”. Il principale motivo di preoccupazione sta nel fatto che la nuova variante presenta 32 variazioni della proteina spike, quella utilizzata per realizzare i vaccini, che potrebbero dunque risultare inefficaci su di essa.

Se i presupposti per ora non sono incoraggianti, c’è però anche da dire che per ora i dati sulla nuova variante sono molto limitati – provengono infatti da 77 campioni estratti da altrettanti casi. Ci vorranno diversi giorni prima di avere valutazioni scientifiche più accurate. Nel frattempo, però, le notizie sulla pericolosità della nuova variante hanno già avuto effetti negativi sui mercati finanziari asiatici, e probabilmente ne avranno anche su quelli occidentali.