Home Politica

Cosa ha detto Barack Obama sulle proteste per la morte di George Floyd

L'ex presidente ha esortato a cogliere questo momento per cambiare davvero le cose, invitando i sindaci a rivedere l’uso della forza e a riformare la polizia. E ha lodato la mobilitazione dei giovani

Mentre negli Stati Uniti proseguono per la nona notte consecutiva le proteste per la morte di George Floyd, Barack Obama ha parlato per la prima volta, invitando i sindaci a rivedere l’uso della forza e a riformare la polizia e sottolineando che la mobilitazione dei giovani “è motivo di speranza per il futuro”.

L’ex presidente è apparso in diretta streaming su Zoom al vertice di una videoconferenza ospitata dalla Obama Foundation. In collegamento con lui c’erano, tra gli altri, Brittany Packnett Cunningham, co-fondatrice di Campaign Zero, e il suo ex procuratore generale Eric Holder.”In un certo senso, per quanto le ultime settimane siano state tragiche, difficili, spaventose e incerte, sono state anche un’incredibile opportunità affinché le persone finalmente si svegliassero”, ha affermato Obama, prendendo le difese dei manifestanti e sostenendo che solo una parte minoritaria è stata violenta: “Questo paese è stato fondato sulla protesta: la chiamiamo Rivoluzione americana”.

“C’è un cambiamento di mentalità in corso”, ha affermato Obama, “una maggiore consapevolezza del fatto che possiamo fare di meglio. E non è una conseguenza dei discorsi dei politici… È un risultato diretto delle attività, dell’organizzazione, della mobilitazione e dell’impegno di tanti giovani”. Obama si è rivolto direttamente ai giovani uomini e donne afroamericani, che “hanno assistito a troppa violenza e troppa morte, e troppo spesso una parte di quella violenza è venuta da coloro che avrebbero dovuto servire e proteggere”. Ai ragazzi ha detto: “Voglio che sappiate sappia che siete importanti, che le vostre vite contano, che i vostri sogni contano”.

Ha lodato chi ha marciato per le strade delle città in tutto il Paese la scorsa settimana, sottolineando che lo hanno fatto anche i più grossi movimenti per il cambiamento sociale della Storia. “Martin Luther King era giovane quando è stato coinvolto, così come Cesar Chavez e Malcolm X, le leader del movimento femminista, quelli dei movimenti sindacali, del movimento ambientalista e del movimento LGBT”, ha affermato Obama. “A volte quando sono in crisi, penso a cosa stanno facendo i ragazzi, al loro talento, voce e raffinatezza e torno ad essere ottimista, sento che questo Paese migliorerà”.

L’ex presidente ha anche affermato di essere stato rincuorato dalla diversità che ha visto tra i dimostranti. “Quelle proteste sono una sezione molto più rappresentativa dell’America fuori in strada che manifesta pacificamente e che ha sentito di dover fare qualcosa contro le ingiustizie”, ha detto Obama. “Negli anni ’60 non c’era questo allargamento”.

Obama ha esortato a cogliere questo momento per spingere per un vero cambiamento a livello locale, aggiungendo che, “ad un certo punto, l’attenzione si allontanerà. Ad un certo punto le proteste iniziano a essere meno affollate. Ed è molto importante per noi usare questo slancio come società per avere finalmente un impatto”.

Per questo, ha invitato i sindaci a rivedere le politiche di uso della forza del loro dipartimento di polizia e “impegnarsi a riferire sulle riforme pianificate”, sottolineando che si può controllare online chi ha già aderito.
Si parla del divieto di sparare a veicoli in movimento, e di alcuni metodi per bloccare le persone in arresto: “strozzare e soffocare, non è questo quel che facciamo”. Obama ha anche aggiunto che la maggior parte dei poliziotti americani non è violenta e ha ricordato agli elettori che sono loro a votare sindaci, procuratori distrettuali e procuratori di città e stati – persone che detengono il potere di attuare un vero cambiamento nei dipartimenti di polizia.

“Ho sentito un po’ di chiacchiere su Internet sul voto vs la protesta. Politica e partecipazione contro disobbedienza civile e azione diretta”, ha affermato Obama. “Non è l’uno è l’altro, ma entrambi. Per realizzare un vero cambiamento, dobbiamo evidenziare il problema e scuotere chi è al potere, ma dobbiamo anche tradurlo in soluzioni pratiche e leggi che possano essere attuate”.

Leggi anche