Home Politica

Calenda contro il Codacons: «Troppe zone d’ombra, dov’è la trasparenza?»

L’ex ministro dello Sviluppo Economico e leader di Azione ha pubblicato un video in cui ha elencato i suoi dubbi sulla gestione dell’associazione per i diritti dei consumatori

Carlo Calenda, ex ministro dello Sviluppo Economico e leader di Azione, ha pubblicato un lungo video su Twitter dedicato al Codacons, in cui chiede all’associazione per i diritti dei consumatori di chiarire una serie di dubbi sui «bilanci non aggiornati», sulle «spese legali e come sono state ripartite», su come mai il sito sia fermo all’anno scorso e sulle «poche critiche nei confronti di Autostrade e anche nei confronti di eventi controversi come il crollo del Ponte Morandi». Lo potete vedere qui sotto.

La replica del Codacons è arrivata subito: «Il Codacons accetta la sfida e risponderà punto per punto alle insinuazioni di Calenda, ossessionato dal Codacons ai limiti dello stalking. Non abbiamo alcun problema a rispondere ai quesiti posti dal leader di Azione, domande che purtroppo dimostrano l’ignoranza di Calenda e fanno capire perché molti lo definiscono il peggior ministro della Repubblica Italiana. Tuttavia avvisiamo che anche noi, nel replicare, faremo qualche domanda all’ex Ministro, non solo sulla sua persona ma anche sul suo partito e sulle fonti di finanziamento dello stesso».

Leggi anche