Home Politica

Bernie Sanders ha vinto le primarie in New Hampshire

Dopo il risultato dell'Iowa e dopo quello di stanotte una cosa appare chiara: è molto probabile che lo sfidante di Trump alle prossime elezioni americane sia un socialista democratico

Foto di Andrew Harnik/AP/Shutterstock

Questa notte negli Stati Uniti si sono svolte le primarie del New Hampshire, il secondo stato a votare dopo l’Iowa – in cui settimana scorsa c’erano stati un po’ di casini. E per il Partito Democratico ha vinto Bernie Sanders: non ha stravinto ma si è comunque piazzato davanti ai suoi avversari più moderati come Pete Buttigieg (secondo) e Amy Klobuchar (terza). Joe Biden e Elizabeth Warren invece sono usciti largamente sconfitti.

Il margine di vittoria di Sanders è alla fine risultato più stretto rispetto a quanto davano i sondaggi pre-elezioni, in cui risultava in vantaggio di 7 punti. Dopo i risultati, Andrew Yang e Michael Bennet hanno deciso di abbandonare la corsa alla nomination e ritirarsi dalle primarie.

Dopo il risultato del New Hampshire e il risultato dell’Iowa, dove ha vinto il voto popolare, una cosa appare chiara: il candidato più avvantaggiato nelle primarie del Partito Democratico per trovare lo sfidante di Trump alle prossime elezioni è Bernie Sanders, un socialista democratico. L’ultima parla non è ancora detta, ovviamente, ma a meno che il novero dei suoi sfidanti non si sfoltisca un po’ evitando di disperdere voti Sanders ha buone possibilità di arrivare favorito al 22 febbraio, quando si vota in Nevada, e al Super Tuesday, quando si vota in diversi stati tra cui l’importantissima California.

“Adesso andiamo in Nevada e in Carolina del Sud. E andiamo a vincere anche in quegli stati”, ha detto Sanders alla folla durante il suo discorso della vittoria, congratulandosi con i suoi avversari. E ha aggiunto che lui e i suoi rivali dovranno comunque unirsi dietro il vincitore delle primarie se vogliono avere una possibilità di sconfiggere Trump.