Home Politica

Beppe Grillo ha rilanciato un albergatore che ha trovato un cavillo per aggirare il Dpcm

In teoria Grillo è il fondatore del Movimento che esprime il premier Conte e il governo attuale. In pratica fa pubblicità ai furbetti che si inventano cavilli per aggirare i suoi Dpcm

In teoria il premier Conte è vicino al M5S, in pratica Beppe Grillo, che del Movimento è stato fondatore, sembra non condividere l’ultimo Dpcm che impone a locali e ristoranti di chiudere alle 18.

Come riporta l’Huffington Post, Grillo ha infatti rilanciato sulla sua pagina Facebook l’idea di un albergatore di Roma suo amico – gestore dell’Hotel Forum di Roma – che per aggirare le chiusure propone una super offerta: cena sul Roof Garden Restaurant dell’albergo a soli 90 euro, camera inclusa. Il cavillo è che appunto, ufficialmente il cliente non sta andando al ristorante ma in albergo.

Il post di Grillo incarna perfettamente lo spirito dei tempi e l’arte italiana dell’arrangiarsi, nonché il detto “fatta la legge trovato l’inganno”. Senza dubbio non c’è niente di illegale, ma insomma di fronte a una situazione drammatica che impone sacrifici un po’ a tutti fare i furbetti non è proprio eticamente senza macchia. Ma soprattutto, il vero assurdo è che a rilanciare l’offerta-cavillo sia il fondatore del Movimento che ha espresso il premier Conte e il governo attuale responsabile del Dpcm che tenta di aggirare. 

Insomma: dopo i furbetti del cartellino, siamo arrivati ai furbetti del ristorante in terrazzo.