Home Politica

AstraZeneca ha nascosto 29 milioni di dosi di vaccino anti-Covid in Italia

Sono molte di più di quelle finora consegnate in tutta l'Unione Europea. Il sospetto è che l'azienda stia privilegiando le forniture al Regno Unito a discapito dei Paesi europei, dove il vaccino viene effettivamente prodotto

Olivier Matthys/Getty Images

Come riporta La Stampa, AstraZeneca avrebbe nascosto 29 milioni di dosi del suo vaccino anti-Covid in uno stabilimento nei pressi di Anagni, in provincia di Frosinone. Stando alle ricostruzioni, si tratta di dosi che erano pronte per essere spedite nel Regno Unito ma che sono state bloccate da un indagine della Commissione Europea su segnalazione delle autorità italiane. 

Tutto è nato da una visita di Thierry Breton, commissario europeo per i mercati interni, a uno stabilimento di Leida, in Olanda, uno dei due stabilimenti dove si produce il vaccino AstraZeneca. L’impianto avrebbe una capacità di produzione di 5-6 milioni di dosi ma, ad oggi, non ha ancora ottenuto l’autorizzazione da parte dell’Agenzia europea del farmaco e quindi le dosi in esso prodotte non possono al momento essere consegnate ai Paesi dell’Unione Europea – ma ciò non vale per il Regno Unito, che negli ultimi mesi  avrebbe importato proprio vaccini prodotti nello stabilimento olandese. 

Il sospetto è che il Regno Unito starebbe sfruttando la capacità produttiva degli impianti della UE per la sua campagna vaccinale di successo e AstraZeneca starebbe privilegiando la consegna dei suoi vaccini al Regno Unito a scapito dei Paesi europei, immagazzinando dosi mentre non rispetta le scadenze di consegna stipulate con l’Unione Europea. Secondo la UE, l’azienda avrebbe fatto apposta a rallentare la consegna dei documenti necessari all’Ema per ultimare il processo di autorizzazione al commercio del vaccino e ora starebbe facendo lo stesso con quelli necessari ad autorizzare l’impianto olandese alla produzione.

Sulla base di questi sospetti è arrivata l’ispezione delle autorità italiane nello stabilimento di Anagni, usato da AstraZeneca per le operazioni di ‘infialatura’ del vaccino. Dove sono state trovate 29 milioni di dosi di vaccino, pronte per essere iniettate, che l’azienda farmaceutica aspettava di spedire nel Regno Unito. Per fare un paragone: AstraZeneca finora ha consegnato in tutta l’Unione Europea solo 17 milioni di dosi. Secondo gli accordi, avrebbero dovuto essere 120 milioni – stima poi abbassata a 30 milioni. 

Manfred Weber, presidente del gruppo del Partito popolare europeo al Parlamento europeo ha chiesto spiegazioni con urgenza alla casa farmaceutica. “AstraZeneca sta immagazzinando decine di milioni di dosi pur non rispettando il contratto europeo. Questo è inaccettabile. L’urgenza è enorme. Dovremmo rifiutare categoricamente qualsiasi esportazione di Astra Zeneca prodotta in Europa”.