Home Opinioni Opinioni TV

Temptation Island Vip, le pagelle: Brivido Caldonazzo

Se abbiamo imparato una cosa da questi naufraghi dell’amore è che per essere un vip devi fidanzarti con una persona che ti odia e ti disprezza, mentre difficilmente ritroveremo un concorrente più viscido e vigliacco del compagno di Nathalie

Nathalie Caldonazzo e Andrea Ippoliti

Grazie a Temptation Island abbiamo capito una cosa importante. Per essere un vip devi fidanzarti con una persona che ti odia e ti disprezza. Quest’anno pare che vada per la maggiore. Andrea il tabaccaio – nulla contro la categoria, al mio ho pagato l’università ai figli con quello che ho speso da lui – si vergogna del passato al Bagaglino di Nathalie, anzi Nathaly Caldonazzo, Serena quando parla del modo in cui Pago si guadagna da vivere strabuzza gli occhi e dice “ma è un lavoro?”, dicendo che è stata per 6 anni con uno sconosciuto (e lui ricambia). Non vi parliamo di Gabriele Pippo, figlio di Pippo Franco, personaggio sempre più epico tra il twerk, i suoi autoritratti enfatici e passivo-aggressivi e quell’eloquio che vorrebbe essere forbito ma non ce la fa, come i suoi pettorali, e che al terzo video della sua Silvia Tirado – che non perde occasione per denigrarlo e deriderlo, va detto, ma anche lui non ci va morbido – già pensa a come mollarla. Di lei possiamo solo dire che ci ha svelato che Valerio è vivo e lotta insieme a noi.

Stanno scricchiolando persino Anna Pettinelli e Stefano Andrea Macchi, per le innocenti complicità di lui con Cecilia (gli ha detto male, ha beccato l’unica tentatrice appetibile, facile per Pago fare il santo con la sua che ha il tono di voce di Oliver Hardy e l’acume di una conchiglia: se ti avvicini a lei, ci scommettiamo, senti il mare). Alla fine quelli a cui non davamo due centesimi, di cui insinuavamo persino una storia fake, SimoneilpiùbellodItalia Bonaccorsi e Chiara Valentino (che con il vestito indossato al falò di questa puntata ha aumentato le cardiopatie nella penisola), sembrano i più veri e i più innamorati. Lui vuole sposarla nonostante lei faccia di tutto per intrecciargli una cesta di corna sulla testa, lei ha deciso di andarsene perché forse si è pentita di averci provato anche con il custode dell’Is Morus Relais (tanto trash in un posto così bello fa quasi male) e con l’albero da frutto in giardino mentre Simone diventava campione olimpico di solitario e di giustificazioni improbabili dei comportamenti di lei con gli altri fidanzati, sempre più basiti.

Se abbiamo imparato una cosa dalle baruffe di questi naufraghi dell’amore è che non si sopportano, si disistimano a livelli imbarazzanti, sono cresciuti guardando Sandra e Raimondo non intuendone l’ironia. E i compagni di chi è famoso nutrono, probabilmente fin dall’inizio della loro storia, una frustrazione e un’invidia che sfogano nel donare infelicità privata ai compagni e alle compagne, che hanno accettato fin troppo a lungo di subire queste angherie credendo, forse, di meritarlo. Di espiare quella poca fama ottenuta negli anni, facendosi umiliare da chi è rimasto nell’ombra. E magari sperava in un aiutino per i propri 15 minuti di celebrità. Trovati qui. Troppo tardi, a naso.

La nostra eroina di puntata è però di sicuro Nathaly Caldonazzo: non ha sbagliato una frase, un gesto, uno sguardo nel falò con il suo ex. Mentre lui sosteneva che lei si era fatta toccare, che aveva ballato con un altro e da lì lui di fatto si è vendicato facendosi pasticciare dalla giovane biondina, lei lo imitava, lo provocava (“perché sussurri, ti sentono tutti, parla!”), lo mostrava in tutta la sua squallida meschinità. Fino a farlo diventare grottesco – si, più di quando dice cose da adolescente arrapato a una che potrebbe essere la figlia (la bella e vacua Zoe) – quando lui urla “con me hai chiuso!” (sì, certo, lei con te) e lei si spaventa e guarda Alessia, mentre Ippoliti fa il capolavoro e dice “brava, guardala, mi fa piacere visto che a casa non parli bene di lei”. Lei lo guarda amareggiata e schifata e la Marcuzzi con stile gli fa notare “che è poco elegante”.

Difficilmente ritroveremo, persino in un programma come questo, un concorrente più viscido, ridicolo, vigliacco. Si mette talmente alla berlina da solo che a un certo punto la bionda showgirl e attrice, mossa a pietà, nel suo splendido abito nero interrompe l’ennesimo video alla American Pie che prova a essere Laguna Blu (o viceversa), gli dà un buffetto e lo saluta, schifata. Dimostrandogli un amore che lui non sa nemmeno cosa sia. Ci e gli sottrae minuti e minuti in cui avrebbe potuto toccare il fondo e poi scavare, come ha dimostrato di saper fare benissimo in queste settimane. L’avevamo sottovalutata questa ragazza di 50 anni, forse per quella maschera che ha sostituito la sua bellezza semplice e bambina con una chirurgia plastica che non corrisponde alla sua raffinatezza. Ne esce alla grande la Caldonazzo, anche se emotivamente a pezzi. E un po’ anche noi uomini: uno come Andrea Ippoliti ti fa talmente vergognare di appartenere al suo stesso genere, che vorresti correre a Casablanca a cambiare sesso.

Cerchi di consolarti con Stefano Andrea Macchi, il Ricky Martin di Monza, innamorato della sua Anna e giusto un po’ guascone nel voler catturare le simpatie di compagni e compagne di viaggio. Però poi vedi che fa il gioco della bottiglia e chiede a Cecilia Zagarrigo “hai fatto sogni erotici da quando sei qua?” che sembra tanto il “qual è la tua zona erogena” di quell’altro fenomeno e non contento poi canta Shallow con lei occhi negli occhi. Una cosetta che fatta con Lady Gaga agli Oscar è costata Irina Shayk a Bradley Cooper, tanto per dire. La Pettinelli, guardando questo duetto ha interrotto il video e ha chiesto il falò prendendo fuoco lei stessa, ma anche, teneramente, ammettendo che si metterà in ghingheri per tenersi quello che definisce “il fidanzato perfetto”. Speriamo che lui alla prossima puntata ci faccia sentire un po’ orgogliosi e sveli che lo avevano drogato (ma come ti viene in mente di fare quella domanda? Ma cosa fanno, li dopano col testosterone la mattina a Temptation Island Vip?).

Simone Bonaccorsi è il nostro mito, questo lunedì: ha passato tutti i santi giorni a guardare video imbarazzanti della sua compagna e sembra sorpreso che questa volta siano gli altri a soffrire. Li consola, batte il cinque, li guarda come per dire “sì, ok, stai male, ma almeno la tua donna non ci ha provato anche con la caldaia” e in certi momenti sembra nascondersi dietro gli altri per non farsi chiamare dalla professoressa, come facevamo tutti noi al liceo quando c’era interrogazione. Bello come il sole e tenero e dolce come un tiramisù. Da sposare (tanto se lo tradisci non se ne accorge neanche aprendo l’armadio e trovandoci il giardiniere).

Di Pago e Serena oggi non parliamo: piangono tutti e due, stanno male. Sembrano sapere che è finita e che forse hanno sbagliato parecchio entrambi. Certo, quando lei fa l’infermierina con Alessandro che ha la febbre, potrebbe anche evitare, ma lì c’è qualcosa di serio che macera entrambi. Fa strano che due così siano venuti in una vetrina del genere a massacrarsi. Sembrano due brave persone, non meritano di soffrire così e per questo non ci sono battute, solo l’interrogativo sul perché lui si ostini a rimanere lì, quasi a volersi strappare a morsi quel sentimento che ancora lo tormenta.

Ah, dimenticavamo: è entrata un’altra coppia, Alex Belli e Delia Duran. Non ho mai capito che lavoro facciano (o dicano di fare), ma ricordo una puntata del programma della D’Urso (sì, vostro onore, a volte lo guardo di nascosto, ma se arriva qualcuno in stanza per la vergogna spengo e apro un porno) in cui lui si difendeva da tale Mila Suarez che sosteneva di essere stata picchiata da lui e lei svelava che l’ex marito la picchiava e per questo, per dispetto, lo avrebbe alleggerito di 100.000 euro. Insomma, si preparano i fuochi d’artificio, mancano solo Maxi Lopez, Icardi e Wanda Nara.

Leggi anche