Home Opinioni Opinioni TV

Il matrimonio di Pamela Prati è meglio di ‘Game Of Thrones’

Con una storia che fa sembrare la saga dei Sette Regni la recita delle medie, l'ex stella del Bagaglino ha provato a trollare un Paese intero. Forse

Pamela Prati. Foto Vittorio Zunino Celotto/Getty Images

Chi l’avrebbe mai detto, guardandola mentre danzava tra Martufello e Pippo Franco, che Pamela Prati ci avrebbe regalato momenti di suspence degni della stagione finale di Game Of Thrones. Da giorni non si parla che di lei e del suo matrimonio, grazie soprattutto al piccolissimo dettaglio che il suddetto sarebbe inventato. Niente nozze, niente luna di miele, ma soprattutto niente sposo.

Tutto è partito qualche settimana fa, quando Pamela nazionale aveva fatto il grande annuncio: «A 60 anni ho trovato l’amore e mi sposo!». Una notizia che le aveva fatto guadagnare titoli di giornali, interviste e ospitate tv. E proprio da Mara Venier, Pamela dichiarava: «È successo il miracolo: la mia mamma mi ha mandato l’altra metà della mia anima».

Il miracolo risponde al nome di Marco Caltagirone (in arte Mark), imprenditore internazionale più misterioso di Carmen Sandiego. A dirci qualcosa in più su di lui, solo qualche scarno risultato Google. Mark ha lavorato in Cina, ha costruito oleodotti in Libia, ha vinto un premio come Imprenditore dell’anno in Europa dell’est. Un John D. Rockefeller moderno.

I primi ad accorgersi che qualcosa non tornava sono stati quelli di Dagospia, che hanno insinuato che il matrimonio fosse una montatura. Pamela però era tornata all’attacco aggiungendo un carico da novanta: «Abbiamo ottenuto l’affido di due bambini, Rebecca e Sebastian. Vivono con noi a Miami durante le vacanze. Rebecca mi chiama mamma e vuole fare la ballerina. Mi somiglia molto». Me cojoni.

In tutto questo, dal fronte Caltagirone nessuna novità. Nessuna foto, nessun selfie con gli amici, niente di niente. «È molto riservato», dichiara la Prati, promettendo che il suo uomo si rivelerà al mondo il giorno delle nozze – guarda caso ancora senza una data – già vendute in esclusiva a Verissimo. Tanto riservato, Mark, da non essere mai stato incontrato da nessuno.

Ad avvalorare la tesi di Dago è arrivata Alessia Bausone, dirigente regionale del Pd, che ha dichiarato a Panorama di essere stata contattata su FB da Mark Caltagirone qualche mese fa: «Era gennaio 2018. Mi ha contattata con l’obiettivo di screditare Wanda Ferro». La Ferro, oggi deputata di Fratelli d’Italia, all’epoca era in procinto di essere candidata alle politiche. Se già la questione era un casino, figuratevi con la svolta politica.

Ma fermi, perché prima di farvi venire definitivamente mal di testa, dobbiamo aggiungere alla trama altri due personaggi niente male: Eliana Michelazzo (ex corteggiatrice di Uomini e Donne) e Pamela Perricciolo (ex titolare di un negozio di scarpe a Chiaravalle, in Calabria). Le due, che sarebbero le manager della Prati, vanno in tv a dichiarare che, alla faccia degli invidiosi, le nozze ci saranno. E che Mark esiste, eccome.

Alessia Bausone però la pensa diversamente: «Caltagirone mi parlò via Facebook del figlio Sebastian, che soffriva di una brutta malattia e per questo lo stava facendo curare a Miami. Ma poi, attraverso comuni amici, ho scoperto che questo Mark o Marco Caltagirone non è mai esistito e dunque anche le foto che mi sono state inviate sarebbero solo un clamoroso fake. La cosa che più m’indigna di tutta questa storia è l’uso strumentale che è stato fatto dei minori», attacca la politica Pd, che rivela di essere a conoscenza di dettagli molto interessanti sulla Perricciolo.

Mentre aspettiamo di scoprirli anche noi, questi dettagli pruriginosi, sempre Dagospia ci informa che, circa ogni 10 anni, alla Prati viene una voglia incredibile di comunicare dei matrimoni che regolarmente non si svolgono. È successo nel 1999, nel 2009 e, puntualissimo, nel 2019. Uno è saltato, l’altro era finto (come dichiarato da lei stessa), mentre quello con Mark Caltagirone è avvolto nel mistero. Ma Pamela continua a pubblicare come se niente fosse cose come:


Insomma, i presupposti per credere che questa sia un’iniziativa gossippara sfuggita leggermente di mano, ci sono tutti. Resta però anche il fatto che il marito di Pamela Prati si è conquistato di diritto un posto nell’unica classifica che conta: quella dei troll più belli di Internet.

Dopo la storia dei sosia di Paul McCartney e Avril Lavigne – sì, anche lei sarebbe morta e sostituita da un replicante – ora c’è Mark Caltagirone, il marito invisibile di Pamela Prati. Che poi magari esiste davvero, e allora sì che tutto sarebbe ancora più magnifico.

Leggi anche