MTV EMA: vincono le donne e arriva il k-pop | Rolling Stone Italia
Home Opinioni Opinioni Musica

MTV EMA: vincono le donne e arriva il k-pop

Un'edizione senza un vero trionfatore, dove i momenti più memorabili li regalano Dua Lipa, Halsey e, ovviamente, Liam Gallagher

Dua Lipa sul palco degli MTV EMA 2019. Foto di Andreas Rentz/Getty Images

Per la seconda volta consecutiva in Spagna, l’anno scorso l’evento era in diretta da Bilbao, si sono appena conclusi gli MTV Europe Music Awards, premi dell’emittente che vanno in onda dal 1994. E, a conferma del trend che avevamo notato nel 2018, le donne sono state ancora le grandi protagoniste della serata. Partendo dalla conduzione, affidata alla star della musica latina Becky G, passando per i premi più importanti, vinti da Taylor Swift (Best Video con ME), Billie Eilish (Best Song con bad guy), Halsey (Best Pop), Nicki Minaj (Best Hip Hop) e arrivando infine alle esibizioni, unico argomento di cui si continuerà davvero a parlare anche dopo la fine dello spettacolo. Perché, se gli ascolti televisivi annaspano sempre più, è sui social che le performance vivranno nei prossimi giorni.

A inaugurare lo show un ritorno atteso, quello di Dua Lipa, diventata bionda per presentare per il nuovo singolo Don’t Start Now, primo estratto del suo nuovo album. Se il pezzo non ci ha ancora convinto a pieno, l’esibizione di Dua, accompagnata da un muro di ballerini vestiti di giallo rimane tra le migliori della serata. Seguono poi Mabel – che scopriamo essere la figlia di Neneh Cherry, e Niall Horan, ex One Direction alla seconda prova solista con Nice to meet ya. E per la prima volta sul palco degli EMA c’è stato spazio anche per il k-pop, con l’esibizione degli NCT 127. Una sorta di consacrazione nei confronti di un genere che, piaccia o meno, macina numeri incredibili. E la conferma arriva dalle urla deliranti delle fan in sala.
Data la location non poteva mancare nuovamente Rosalìa, già tra i performer dell’edizione 2018, questa volta sul palco con più di 50 ballerini per cantare Do mi nombre. Poi la dolce ma psycho Ava Max, che sempre di più pare ispirarsi alla Lady Gaga degli esordi, e Halsey, che stasera è un po’ ninfa dei boschi e un po’ Florence and The Machine.

Halsey sul palco degli MTV EMA- Foto di Tim P. Whitby/Getty Images


Accanto a tutti questi ‘nuovi’ nomi pop c’è spazio anche per qualche leggenda: i Green Day con Father of all e Basket case, e Liam Gallagher, vincitore del primo Rock Icon Award, che ha chiuso la serata con Once e soprattutto con Wonderwall regalando, a chi di MTV ha vissuto gli anni d’oro, il momento più indimenticabile di questa edizione.

Liam Gallagher riceve il ‘Rock Icon Award’ agli MTV EMA 2019. Foto di Jeff Spicer/Getty Images

A tenere alta la bandiera del nostro paese ci ha pensato invece Mahmood, assente perché in tour, che si è portato a casa il premio nella categoria Best Italian Act.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

GRAZIE ?? GRAZIE ?? GRAZIE #mtv #mtvema

Un post condiviso da Mahmood (@mahmood) in data:


A conti fatti non c’è un vero trionfatore di questa edizione, nessun ‘piglia tutto’ come in passato. Ci sono però, purtroppo, tanti assenti illustri. A partire da Ariana Grande che, partita come favorita con ben 7 nomination, chiude con zero award vinti, e suona un po’ come «la prossima volta ci vieni». Ma anche Shawn Mendes e Billie Eilish, vincitori rispettivamente di una e due statuette ritirate a distanza. Certo è che, negli ultimi tempi, il sistema è cambiato così tanto che diventa sempre più arduo scegliere i candidati per una premiazione come questa, che, forse, dovrebbe tornare a puntare su nomi più europei, appunto. Come quello del sopracitato Mahmood, che dopo il successone di Soldi non avrebbe sfigurato se candidato in una delle categorie principali. E, mentre ragioniamo su come potrebbero evolvere gli EMAs in un’ottica meno americana, continuiamo a goderci uno show di grande impatto, uno degli ultimi rimasti, che andrebbe seguito anche solo per vedere, una volta tanto, qualche esibizione pop degna di essere chiamata tale. Ci vediamo l’anno prossimo.

Tutti i vincitori di questa edizione:

BEST VIDEO
Ariana Grande thank u, next
Billie Eilish bad guy
Lil Nas X Old Town Road (Remix) ft. Billy Ray Cyrus
Rosalía, J Balvin Con Altura ft. El Guincho
Taylor Swift ME! ft. Brendon Urie of Panic! At The Disco

BEST ARTIST
Ariana Grande
J Balvin
Miley Cyrus
Shawn Mendes
Taylor Swift

BEST SONG
Ariana Grande 7 rings
Billie Eilish bad guy
Lil Nas X Old Town Road (Remix) ft. Billy Ray Cyrus
Post Malone, Swae Lee Sunflower
Shawn Mendes, Camila Cabello Señorita

BEST COLLABORATION
BTS, HalseyBoy With Luv
Lil Nas X, Billy Ray CyrusOld Town Road (Remix)
Mark Ronson, Miley CyrusNothing Breaks Like a Heart
Rosalía, J BalvinCon Altura ft. El Guincho
Shawn Mendes, Camila Cabello Señorita
The Chainsmokers, Bebe RexhaCall You Mine

BEST NEW
Ava Max
Billie Eilish
Lewis Capaldi
Lil Nas X
Lizzo
Mabel

BEST POP
Ariana Grande
Becky G
Camila Cabello
Halsey
Jonas Brothers
Shawn Mendes

BEST LIVE
Ariana Grande
BTS
Ed Sheeran
P!NK
Travis Scott

BEST ROCK
Green Day
Imagine Dragons
Liam Gallagher
Panic! At The Disco
The 1975

BEST HIP-HOP
21 Savage
Cardi B
J. Cole
Nicki Minaj
Travis Scott

BEST ALTERNATIVE
FKA Twigs
Lana Del Rey
Solange
twenty one pilots
Vampire Weekend

BEST ELECTRONIC
Calvin Harris
DJ Snake
Marshmello
Martin Garrix
The Chainsmokers

BEST PUSH
Ava Max
Billie Eilish
CNCO
H.E.R.
Jade Bird
Juice WRLD
Kiana Ledé
Lauv
Lewis Capaldi
Lizzo
Mabel
Rosalía

BEST WORLD STAGE
Bebe RexhaIsle of MTV Malta 2019
Hailee SteinfeldIsle of MTV Malta 2018
MuseBilbao, Spain 2018
The 1975Lollapalooza Paris Festival 2019
twenty one pilotsLollapalooza Paris Festival 2019