Home Opinioni Opinioni Musica

James Taylor racconta Simon and Garfunkel

Nel giorno del compleanno di Paul Simon, rileggiamo quello che James Taylor ha scritto in occasione della reunion con Art Garfunkel: «Insieme hanno composto la colonna sonora di una generazione»

Simon and Garfunkel nel 1965

Foto: Hulton Archive/Getty Images

Ricordo quando Alex, mio fratello maggiore, e Hugh, mio fratello minore, portarono a casa due album di Simon and Garfunkel. Le canzoni parlavano da sole, erano diverse da tutto quello che girava all’epoca. Simon and Garfunkel hanno portato qualcosa di nuovo alla musica, e l’hanno fatto da soli. Nonostante tutto quello che hanno passato – insieme o da soli – sono rimasti una forza fondamentale della musica e della cultura americana. Il loro impatto è stato enorme. Per usare una frase fatta, hanno scritto la colonna sonora degli anni più belli delle nostre vite. Pensate alle loro canzoni nel Laureato – parlavano a una generazione intera, esattamente come faceva il film.

Paul Simon è sempre stato uno dei migliori cantautori d’America. Ha trovato il successo in un momento storico in cui succedeva di tutto, e molte delle sue canzoni sono diventate veri e propri inni. Scrivendo riesce a creare un mondo insolitamente ricco, e ha a disposizione una palette davvero ampia, dal folk più elementare di Scarborough Fair fino alle composizioni più sofisticate e vicine alla world music dei suoi album solisti, come Something So Right e Still Crazy After All These Years.

Art Garfunkel, invece, ha una di quelle voci uniche, grandiose. La riconoscerei ovunque e in qualsiasi contesto, mi basterebbe mezza battuta. Nel corso degli anni ho avuto la possibilità di lavorare con entrambi – la prima volta con Art per una mia canzone intitolata A Junkie’s Lament. Art va in profondità come faceva Louis Armstrong: non registra “versioni” di canzoni, le fa sue.

È sempre commovente vederli cantare insieme. Le collaborazioni come questa somigliano più a matrimoni, solo più difficili e decisamente più pubbliche. Paul Simon e Art Garfunkel erano due individui molto forti e molto ostinati che condividevano uno spazio molto piccolo. Quando i Beatles si stavano sciogliendo, io ero dalle parti della Apple e ho capito che vicende come queste non sono affatto rare. E forse sono proprio i momenti difficili di queste storie a renderle memorabili, a fare in modo che continuino ancora a ispirarci.

Leggi anche