Conglomerandocene
Home Opinioni

Conglomerandocene: La fase 3

Nella nuova puntata della rubrica dello Sgargabonzi per Rolling Stone, la cronaca quotidiana dell’Italia durante l'estate 2020, da Giuseppe Conte frontman dei Ragazzi Italiani alla rinascita dello Stato Pontificio

Foto: profilo Instagram 'Le bimbe di Giuseppe Conte'

1 luglio: un gesto simbolico per ripartire: abolita la parola “paltò”.

2 luglio: il Premier Conte regala a tutti gli italiani una piccola chitarra hawaiana per rilassarsi camminando e una cornucopia da cui escono alcuni frutti di plastica.

3 luglio: riaprono i luna-park, tutte le attrazioni tranne il Bruco-mela.

4 luglio: Trenitalia e Trenord riaprono agli outdoor amateur anche sulla rete ferroviaria lombarda.

5 luglio: Zaia riapre le finestre del bagno dopo un lavoro negoziale con la moglie.

6 luglio: riaprono le discoteche, ma con solo pezzi anni ’80. Gioca Joué, C’è da spostare una macchina, eccetera. In consolle il Supertelegattone.

10 luglio: smart working anche per medici e infermieri, che finalmente potranno somministrare piccole scosse elettriche ai pazienti anche da remoto, con il cosiddetto Mengele Aid.

11 luglio: provvedimenti anticrisi, alle famiglie sotto la soglia di povertà viene donata La Storia d’Italia a fumetti di Enzo Biagi.

15 luglio: nuovo decreto del governo stabilisce le regole per le vacanze al mare: “Al sole, solo cosparsi di maionese. Mingere in mare è consentito solo a un metro dalla costa. Basta con le cannucce di plastica nei mojiti, useremo dei budellini di vitello”.

19 luglio: nell’ambito delle proteste del movimento Black Lives Matter, la showgirl Sylvie Lubamba distrugge a martellate il monumento in onore di Indro Montanelli a Milano. A sorpresa, però, la statua è cava e contiene proprio un Montanelli in carne e ossa. Il giornalista, subito ricoverato al Sacco, è disidratato, un po’ malconcio, ma finalmente libero.

22 luglio: per dimostrare simbolicamente la sconfitta del virus e la fine delle misure di distanziamento sociale, Angelo Borrelli consuma un rapporto col professor Brusaferro in diretta durante la consueta conferenza stampa delle 18.

24 luglio: il wedding planner Enzo Miccio dichiara conclusa la moda del Covid-19. “È la pellagra il morbo più trendy dell’estate 2020!”

27 luglio: per sostenere l’industria dell’auto duramente colpita dalla crisi, ma anche per farsi due risate, viene concessa la patente di guida anche ai minori di anni 3, previo test con le formine.

30 luglio: Conte a margine di una conferenza stampa rivela di essere stato per un breve periodo il frontman dei Ragazzi Italiani.

1 agosto: durante una manifestazione di piazza a Roma, il movimento dei Gilet Arancioni si scioglie improvvisamente al sole e diventa un’unica colla. Soddisfatta la sindaca Raggi che vede finalmente riempirsi le famose “buche”.

3 agosto: i gel igienizzanti all’ingresso dei negozi vengono progressivamente sostituiti con dispenser di maionese e ketchup. “E come al solito chi preferisce la senape si attacca a ‘sto gran cazzo”, dichiarerà la bellissima Bianca Balti.

4 agosto: Un antico ospedale Covid risalente al IV secolo a.C. viene rinvenuto nel quartiere di San Basilio a Roma. Slitta ulteriormente la data del completamento della Metro B.

7 agosto: via i militari dalle strade in Campania, il controllo del territorio torna ai Casalesi.

9 agosto: Sasà Salvaggio, disoccupato e con una famiglia di obesi da mantenere, esordisce nel porno con “Ci è passato anche Sasà però schifo non mi fa”.

10 agosto: i papà separati potranno finalmente rivedere i propri figli, ma solo sotto la supervisione di Miguel, il nuovo compagno della moglie.

12 agosto: Attilio Fontana choc: “tra Marcelo Salas e Ivan Zamorano non ho dubbi, sceglierei Salas”. E ancora: “calcoli sono persino interista!”.

15 agosto: Luca Cordero di Montezemolo dona 90.000 lire alla Protezione Civile.

16 agosto: “Il mio rimpianto più grande in tutta questa faccenda? Non aver mai visto Spadino Robbiati scendere in campo con la casacca nerazzurra”. Queste le ultime dichiarazioni del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

17 agosto: si ricomincia a scommettere al Totip.

21 agosto: rettifica di Fontana: “Pensandoci il fatto di Robbiati è più colpa di Moratti… guardi, senta, facciamo che scrive che non ho nessun rimpianto”.

25 agosto: sarà di nuovo possibile organizzare cene di pesce con i propri cognati, ora senza limitazioni per il numero di partecipanti (durante la fase 1 erano ammessi solo 37 cognati).

29 agosto: Rita Dalla Chiesa fa un video in cui strozza un airone (“per far ridere i bambini”, spiegherà).

4 settembre: jet set decimato dal morbo, Sanremo affidato a Federico Fazzuoli.

8 settembre: in un’intervista a Chi, Vittorio Brumotti dichiara “Cari spacciatori, l’incantesimo di una zingara mi ha reso immortale, non ho più paura di voi”.

11 settembre: riparte il campionato di calcio e si punta allo spettacolo, stop fuorigioco e ok ai gol di sponda.

14 settembre: Palio di Siena su Skype, vince Enza Sampò su Hitler.

15 settembre: salta l’asse franco-italiano per spingere su politiche di solidarietà nell’Unione Europea. La rottura partirebbe da una gaffe del Ministro Di Maio, che avrebbe detto all’omologo francese “ma è vero che lì da voi siete tutti finocchi?”

16 settembre: Papa Francesco sfrutta la situazione di grave debolezza dello Stato italiano per conquistare Lazio, Umbria e Marche e ricostituire lo Stato Pontificio.

19 settembre: si alzano i toni all’interno della maggioranza: dall’esterno della sala nella quale si tiene il Consiglio dei Ministri, urla disumane e il grido “NO LA CINGHIA NO” da quello che sembra essere il ministro Bonafede, seguito da suoni sordi e numerose  altre urla.

21 settembre: a causa dello stress accumulato durante la crisi del Coronavirus, il ministro Roberto Speranza si becca un herpes labiale. La tensione però è così insopportabile che il bubbone cresce a velocità esponenziale. Nel giro di una notte, Speranza si trasforma in un Elephant Man orrendamente sfigurato che riesce solo a dire “Glabroglobro”.

22 settembre: dopo quattro mesi di discesa inarrestabile e una settimana buona con zero decessi per Covid in tutto il Paese, la curva delle morti salta addirittura in campo negativo. I morti di Coronavirus escono dalle loro tombe e si nutrono delle carni di vecchine terrorizzate.

25 settembre: su tutti i disegni dei bambini appesi ai balconi con gli arcobaleni e le scritte “Andrà tutto bene”, comincia ad apparire in filigrana il volto di Gheddafi intriso di sangue.

27 settembre: pandemia finita, vaccino trovato. Si torna a morire normale, tranquilli, educati.

30 settembre: dalla Cina in arrivo un nuovo virus: 300 volte più letale del Covid-19, si trasmette con lo sguardo o camminando.

Leggi anche