Conglomerandocene
Home Opinioni

Conglomerandocene: 21 cose che non sai su Flavio Briatore

Nella nuova puntata della rubrica dello Sgargabonzi per Rolling Stone: tecniche di seduzione, tatuaggi segreti, travestimenti e altre curiosità sull’imprenditore del Billionaire

Flavio Briatore

Foto: Paul-Henri Cahier/Getty Images

1. Per far colpo sulle donne, su Tinder si definisce “un degasperiano di ferro”.

2. Dal 1998 al 2003 è stato legato alla top model internazionale Naomi Campbell. Poi gli è passata la fissa per il bondage.

3. Parla fluentemente sette lingue da lui inventate.

4. Ci tiene a precisare che quando è nato non piangeva come tutti ma era semplicemente commosso per certe fluttuazioni in borsa di Ferragamo.

5. Quando è ospite a casa di Daniela Santanché tende a tossire platealmente nel pacchetto dei Pan di Stelle in modo che li lascino tutti a lui.

6. Va bene divertirsi, ma il primo che dice mezza parola contro le comunità montane va fuori dal Billionaire a calci in culo.

7. Per vivacizzare la Formula 1 ha proposto di mettere i tifosi in strada a ridosso delle monoposto, stile Tour de France, con manate sugli alettoni e pacche sulle spalle taurine di David Coulthard.

8. Ci si chiede spesso come sia possibile che un uomo come lui (non bello, né giovane, né aitante) riesca sempre a circondarsi di donne bellissime. La risposta è semplice: è sensibile, gentile e soprattutto sa ascoltare. A differenza vostra, merde!

9. Da sempre impegnato nella beneficenza, ha donato 24 piccoli pazienti dell’ospedale pediatrico Gaslini di Genova (reparto oncologico) al canile di Albenga (SV).

10. In una recente intervista a Repubblica ha dichiarato: “AAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH!”

11. Ha un tatuaggio sul perineo. Recita in caratteri neogotici la seguente massima: “Se mi stai leggendo, vuol dire che abbiamo raggiunto un grado di intimità fuori dal comune; ti invito a riflettere su quanto questo momento sia prezioso in un mondo che ci vuole sempre più chiusi in noi stessi, estranei al nostro prossimo, distanti l’uno dall’altro. Se invece sei il dottor Bragaglia: grazie per la consueta professionalità e delicatezza con cui procedi all’esame della prostata.”

12. All’interno della sua magione kenyota organizza suggestivi safari nel corso dei quali possono essere avvistati e abbattuti animali rari come gazzelle di Thomson e bambini Masai.

13. A Formula 1 ’98 per Playstation Uno non c’era verso di vederlo giocare normalmente, faceva ogni gara contromano con la Jordan di Frentzen provando in ogni modo a scalfire i cartonati dei meccanici ai box.

14. Ha una sua elaboratissima teoria sul caso del mostro di Firenze. Non ne ha mai svelato i dettagli, ma da alcune sue sparse dichiarazioni sappiamo che ruota attorno ai seguenti elementi: un nano orbo e sciancato, i servizi segreti deviati, un barattolo di maionese Hellman’s, un rocchetto di spago di juta e il Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano.

15. Espertissimo di commedia pecoreccia all’italiana, ha scritto una monografia di 1654 pagine interamente dedicata al caratterista pugliese Lucio Montanaro.

16. La sua tipica tecnica di seduzione è investire le donne cammuffato da Enrico Papi e poi smascherarsi e correre a soccorrerle borbottando insulti verso il noto conduttore romano.

17. Dopo ogni rapporto sessuale, si rannicchia in posizione fetale e singhiozzando dice alla partner di turno: “Ciono trishte!”

18. Per una serie di rocambolesche vicissitudini, una volta, nel 1986, ha dovuto fingersi Madre Teresa di Calcutta nel corso un incontro con Giovanni Paolo II. In quella stessa occasione, Paolo Limiti, opportunamente rapato a zero, interpretava il Dalai Lama.

19. È di sua proprietà il nano protagonista de L’Imbalsamatore di Matteo Garrone.

20. Storica la sua disputa con Papa Benedetto XVI per la paternità del motto “La figa è l’astuccio del cazzo”.

21. È deceduto per coronavirus lo scorso aprile, il Briatore attuale, esattamente come avvenuto cinquant’anni fa con Paul McCartney, è un sosia di Paul McCartney.

Altre notizie su:  Conglomerandocene