X Factor 14, gli inediti del quinto live dal peggiore al migliore | Rolling Stone Italia
Home Classifiche Classifiche musica

X Factor 14, gli inediti del quinto live dal peggiore al migliore

La puntata di giovedì scorso sarà ricordata soprattutto per i litigi tra i giudici e le eliminazioni shock, ma ci ha anche fatto ascoltare i nuovi inediti dei concorrenti. Qual è il più riuscito?

N.A.I.P. x factor

N.A.I.P.

Foto: Sky

X Factor 2020 non demorde, insiste, continua a sfornare inediti – e noi siamo di nuovo qui, raccogliamo la sfida e li ascoltiamo e li valutiamo sprezzanti del pericolo. E poiché chi è chiamato a valutare in realtà non guarda il programma (un po’ per snobismo radical chic, ma soprattutto perché il giovedì sera c’è la partita), il pericolo più consistente è quello di perdersi il #percorso, la #crescita, la #comfortzone e il #grandissimolavoro che i concorrenti e i giudici stanno facendo – e di conseguenza, di irritare oltremodo i fan dei ragazzi in gara. Ma siamo qui per questo. Cioè, non per irritare: per correre pericoli. Sicché bando alle ciance, ecco i cinque inediti ordinati dal meno al più convincente, nella Nostra Umile Opinione.

5Blind – Affari tuoi

Su questo accattivante groove che sembra scritto soltanto vent’anni fa da Alex Britti – ma naturalmente, prodotto dai PRODUCERS (Frenetik&Orang3), il giovane Blind snocciola le parole che sono richieste per legge dal pop italiano 2020. È una specie di red carpet della rima cretina: Blind punta tutto su un pubblico per il quale la programmazione di Italia Uno è di una complessità intellettuale inaccettabile, e come tanti cagnolini di Pavlov rispondono scodinzolando quando sentono “Privé!” “Cash!” “La calle!” “Ho rotto un altro cell!”. Così, il pezzo non sarebbe nemmeno terribile nel suo chiaro omaggio a un funky da autogrill, leccoso e rétro – ma non c’è orecchio umano che non perda la propria dignità quando al suo interno entra la voce di Blind che parla come un colossale imbecille – ma sia chiaro, nessuno si senta offeso: parla come un colossale imbecille FIGO, un lobotomizzato coolissimo, un totale idiota assai urban generation, e non diteci che non li considerate dei complimenti molto yeah, oh baby cioè uh, cioè in questo caso cioè affari vostri, eh, uh, non fateci perdere tchéempo, oh. Uh. Eh.

4Cmqmartina – Lasciami andare! (Young Miles Remix)

Un momento. Come sarebbe a dire? Questa è la canzone Alzastacazzodiradio, quella che ovviamente i network radiofonici passano da mesi come meme per dimostrare che cioè uh, baby, yeah, sono ironiche e giovani, quindi ci dite come fa questa a essere un inedito? Non è chiaro cosa bisognerebbe valutare, qui. Il remix, la produzione dei PRODUCER, il #percorso? La cosa che viene da valutare è che questo regolamento sembra un po’ scritto sul chewing-gum. In ogni caso, caruccia, non si attacca ai denti. Sa un po’ di già sentito – e per forza, mondo schifoso, NON. È. INEDITA. Va beh, sentite, chi se ne frega, stiamo recensendo X Factor, mica il Simposio di Platone, abbassiamo le stupide pretese rasoterra dove è giusto che stiano, e di conseguenza viva Cmqmartina e tutta la piacioneria di questo pezzo e il suo tonino noiosino. Che bello il Salone del Mobile, quanta creatività.

3Melancholia – Alone

…Ma questa che canta shushando tutte le sh? Cos’è, un raffinatissimo omaggio a qualche tendenza neo-depre? Comunque un punto per i PRODUCERS per l’effetto carillon che ci sta sempre bene, mette quella tristezza un po’ fiabesca da perdita dell’innocenza che piace a noi giovani. A dire la verità ci pare di sentire un buon pezzo, sotto quel quintale di manierismo che lo appesantisce (pare già di vederlo accompagnato da un video buio e rallentato, suggeriamo un bosco con degli unicorni – però neri). Chissà che fantasmagorica coreografia ci hanno fatto, che bello essersela persa.

2Little Pieces of Marmelade – Digital Cramps

Tutto questo non c’entra niente con X Factor. E non c’entra moltissimo nemmeno con quello che sta accadendo fuori, e men che meno con il mercato, e neppure con qualche nicchia avanzatissima – perlomeno nel 2020. Intendiamoci, la band va benone e il pezzo va benissimo. Ma non facciamo finta di niente, questo minuto e quarantacinque di impatto furibondo ha solamente lo scopo di sparigliare le carte nell’eterna partita mentale tra gli autori del programma e i loro simili dall’altra parte della barricata, cioè quei socialcommentatori sapienti che ne sanno di musica e di stili e che sono il vero patrimonio di XF, il tesoretto di cui bullarsi con gli sponsor, quello che gli dà quella patina di rilevanza della quale ad Amici di Maria non frega niente, ma niente, ma niente. Con tutta probabilità la carica, l’audacia di questa band fa parte di una ghignante e compiaciuta manipolazione, rientra nello sforzo di non diventare definitivamente una versione glamour della Corrida, con Cattelan a fare Corrado e Daniela Collu a fare il Maestro Pregadio. Che poi, pensandoci… Pensateci.

1N.A.I.P. – Partecipo

“Le vostre feste in giorni tragici”? “I vostri continui carnevale”?? “I vostri momenti vuoti e magici”??? “Ogni vostro menomale”???? “La vostra gioia appuntita”????? “Il bel finale di partita”??????
Ah però. Caspita. Perdinci. Ciumbia.
Se non ricordiamo male, questo tipo o gruppo (va ribadito: questi giudizi sono al buio, chi scrive si limita ad ascoltare le canzoni in streaming) era ai limiti dell’aberrante nella sua proposta della settimana scorsa. Beh, stavolta siamo a favore. Questo testo carico di ostilità in loop ossessivo si insinua benissimo in questa sorta di electro house ubriachissima elaborata con i PRODUCERS, e anche il titolo sembra una specie di delirante rappresentazione della schizofrenia dell’artista contemporaneo nel dimenarsi davanti a Emma e Mika e a noialtri babbioni televotanti. Per cui, qualunque sia il suo #percorso, stavolta siamo con (i) N.A.I.P., qualunque cosa voglia dire il (loro) suo nome, magari significa Non Angosciarmi Insopportabile Parolaio, e chi scrive raccoglie l’invito e si congeda qui, grazie a tutti per aver letto fino ad ora.

Altre notizie su:  X Factor 14