Home Classifiche Liste

Toto-reunion: quali band si rimetteranno insieme?

Dai Led Zeppelin agli Oasis, passando per i Pink Floyd e i R.E.M., ecco le probabilità che vengano organizzati altri tour di reunion dopo quelli di Rage Against the Machine e Black Crowes

Michael Stipe, Justin Timberlake e Robert Plant: li rivedremo mai con R.E.M., 'NSync e Led Zeppelin?

Foto: Lalo Yasky/WireImage, Rich Fury/Getty Images, Per Ole Hagen/Redferns

Solo nelle ultime due settimane, Rage Against the Machine, Black Crowes, Mötley Crüe e My Chemical Romance hanno annunciato tour di reunion nel 2020. Dopo lo scioglimento, queste band hanno dato origine a vari progetti solisti, ma è difficile resistere a certe offerte economiche. È ancora più vero in un momento in cui nuove rock band popolari scarseggiano e i festival di mezzo mondo sono alla disperata ricerca di buoni headliner. Detto questo, ci sono ancora parecchi gruppi inattivi che rifiutano ingaggi astronomici. Ne abbiamo selezionati 14 e per ognuno di essi abbiamo proposto una valutazione rigorosamente non scientifica delle probabilità che a un certo punto ceda alla tentazione della reunion.

Pink Floyd

Perché si sono divisi: I rapporti interni alla band hanno toccato il minimo storico durante il tour di The Wall del 1980-81. Dopo la defezione di Roger Waters all’inizio degli anni ’80, la formazione a tre (David Gilmour, Richard Wright, Nick Mason) ha funzionato piuttosto bene. I Pink Floyd si sono esibiti negli stadi, ma alla fine del tour di The Division Bell Gilmour ha detto basta. La pausa a tempo indeterminato è iniziata dopo una lunga serie di spettacoli alla Earls Court di Londra nell’ottobre 1994.

Ultima esibizione: La classica line-up formata da Gilmour, Wright, Mason e Waters ha eseguito un set di quattro canzoni al Live 8 nell’estate del 2005. Tre anni dopo, Richard Wright è morto annientando ogni chance di reunion della formazione a quattro. Nel maggio 2011, Gilmour ha eseguito Comfortably Numb con Roger Waters alla 02 Arena di Londra, e Mason, al tamburello, è salito sul palco con Gilmour per Outside the Wall. Gilmour e Mason si sono riuniti in studio nel 2014 per completare alcuni brani incompiuti di Wright per l’album in buona parte strumentale The Endless River, ma non l’hanno mai portato sui palchi.

Probabilità di reunion: I dettagli sono ancora vaghi, ma all’inizio di quest’anno Waters ha detto a Rolling Stone di avere proposto a Gilmour un “grande piano di pace che purtroppo non ha portato a nulla”. Waters sarà in tour nelle arene nel 2020. È probabile che stesse pensando a una reunion di qualche tipo, ma Gilmour è stato irremovibile. Di recente, quest’ultimo ha anche venduto tutte le sue chitarre a un’asta di beneficenza. Un altro tour solista di Gilmour rimane possibile, ma nessuno di loro ha veramente bisogno del denaro generato da una reunion. La probabilità che avvenga è pari al 15%.

Genesis

Perché si sono divisi: Il gruppo non è solo sopravvissuto alla separazione da Peter Gabriel avvenuta nel 1975, ma contro ogni previsione è diventato ancora più celebre. Non è successo altrettanto quando se n’è andato Phil Collins dopo il grande successo dell’album e del tour We Can’t Dance del 1992. Il disco del 1997 Calling All Stations, con Ray Wilson alla voce, è andato malissimo e il gruppo si è diviso dopo un breve tour europeo.

Ultima esibizione: Peter Gabriel ha convocato i musicisti per discutere di un tour di reunion nel 2004, ma ha cambiato idea quando si è reso conto di quanto tempo avrebbe dovuto investirci. Con lui fuori dai giochi, Phil Collins, Tony Banks e Michael Rutherford sono comunque andati in tour nel 2007, con grande successo. Collins non aveva alcun interesse a proseguire oltre e l’avventura si è conclusa dopo uno spettacolo all’Hollywood Bowl il 13 ottobre 2007.

Probabilità di reunion: Le cose hanno preso una brutta piega soprattutto dopo che Collins ha subito danni ai nervi talmente gravi da impedirgli di suonare la batteria e ha annunciato il ritiro dalle scene. Ma è tornato on the road per un trionfale giro di concerti da solista nel 2017 con il figlio adolescente Nic alla batteria. hanno suonato ogni sera una manciata di canzoni dei Genesis e sono stati raggiunti dal chitarrista Mike Rutherford in un paio di spettacoli in Europa. “Siamo ancora grandi amici”, ha detto Collins al pubblico durante il tour, “quindi non si sa mai”. I fan che sperano di vedere Peter Gabriel e Steve Hackett nella band saranno probabilmente delusi, ma un tour dei Genesis con Phil Collins, Tony Banks, Mike Rutherford, Daryl Stuermer e Nic Collins non è improbabile nei prossimi due anni. Lo diamo al 40%.

Talking Heads

Perché si sono divisi: Per farla breve, i membri della band si sono stufati di essere considerati i musicisti di supporto di David Byrne. A sua volta, Byrne non condivideva più volentieri le responsabilità creative. Risultato: una band disfunzionale. Non si sono ufficialmente divisi fino al 1991, ma il loro ultimo tour è stato il leggendario Speaking in Tongues del 1983-84.

Ultima esibizione: Il gruppo ha spiazzato un sacco di gente quando ha accettato di esibirsi alla cerimonia di ingresso alla Rock and Roll Hall of Fame nel 2002. “Era una vita che non parlavamo”, ha detto Chris Frantz nel 2009. “Avevamo incontrato David a casa di Lou Reed o qualcosa del genere, ma era la prima volta che ci sedevamo e discutevamo”. A differenza di molte reunion approssimative messe in piedi per la Hall of Fame, i quattro hanno accantonato ogni dissidio e hanno provato con cura tre canzoni bomba, Psycho Killer, Life During Wartime e Burning Down the House.

Probabilità di reunion: David Byrne è un tipo decisamente testardo e ha chiarito che non ha alcun interesse a farla, anche se ha appena chiuso un lungo tour pieno di classici dei Talking Heads e ora sta portando lo spettacolo Broadway. In sostanza, è disposto a rifare le canzoni dei Talking Heads in qualsiasi veste, a patto che ciò non significhi suonarle con i membri della band. “Sto cercando di pensare a una reunion che ho pensato fosse necessaria e che ha permesso alla band di passare al livello successivo””, ha detto a Rolling Stone qualche settimana fa. “Era giusta quella dei Pixies perché ha permesso al pubblico di avvicinarsi al loro repertorio. Hanno finalmente raggiunto il pubblico che meritavano fin all’inizio, ma non vale per noi Talking Heads, a noi è andata bene fin dal principio”. Il che porta a chance pari al 10% circa.

Kinks

Perché si sono divisi: Se gli Everly Brothers hanno inventato la rivalità tra fratelli nel rock’n’roll, i Kinks l’hanno perfezionata. Ray e Dave Davies si sono fatti la lotta dal momento cui sono piombati sulla scena rock con You Really Got Me nel 1964. Sono rimasti assieme in un modo o nell’altro fino al 1996, quando si sono divisi di fronte al calo delle vendite e degli spettatori ai concerti. Un po’ come i Ramones, erano stati in giro così a lungo che la gente li dava per scontati.

Ultima performance: Ray e Dave Davies (e vari ex Kinks) sono apparsi in pubblico in numerose occasioni negli ultimi vent’anni, ma il gruppo non si esibisce dal 1996. Ray e Dave Davies hanno fatto You Really Got Me a un concerto solista del secondo, nel 2015.

Probabilità di reunion: I fratelli hanno già collaborato in sala d’incisione negli ultimi due anni. Nessuno ha ancora sentito quel che hanno combinato, ma i due sperano di pubblicare qualcosa dei Kinks nel prossimo futuro (in ogni caso, ci crederemo quando lo sentiremo). Andare in tournée è tutta un’altra cosa. Ray non va in giro da cinque anni. È possibile che abbiano aspettato troppo a lungo e siano diventati troppo vecchi per farlo, ma un singolo concerto o poche date nei prossimi due anni sono decisamente possibili. Lo mettiamo al 70%.

Led Zeppelin

Perché si sono divisi: Il batterista degli Zeppelin, John Bonham, è morto nel 1980, causando lo scioglimento della band. I tre musicisti rimasti si sono rimessi assieme al Live Aid nel 1985, al concerto per l’anniversario della Atlantic Records nel 1988, per l’ingresso nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1995. Nonostante le suppliche dei compagni e dei fan, Robert Plant ha rifiutato ogni  offerta per un reunion tour.

Ultima esibizione: Nel dicembre del 2007 i Led Zeppelin hanno eseguito il loro primo concerto completo da quando Bonham è morto. È accaduto alla 02 Arena di Londra, nell’ambito di uno show in onore del compianto Ahmet Ertegun. Hanno passato mesi a provare uno spettacolo di due ore, ma non ci sono stati ulteriori sviluppi. Jimmy Page e John Paul Jones erano così frustrati dalla situazione che nel 2008 hanno fatto audizioni a un certo numero di cantanti e hanno preso in seria considerazione un tour senza Plant. Hanno saggiamente cancellato il progetto prima che si concretizzasse.

Probabilità di reunion: Robert Plant è stato estremamente chiaro: non ha alcun interesse ad affrontare di nuovo i Led Zeppelin e considera il concerto alla 02 Arena un finale perfetto per la band. Potrebbero riempire gli stadi di mezzo mondo e fare miliardi di dollari, ma Plant è già ricco e quasi certamente non vedremo mai una reunion. Le chance stanno al 10%.

R.E.M.

Perché si sono divisi: Certe band fanno il loro corso. I R.E.M. hanno vissuto trent’anni incredibili, ma nel 2011 hanno deciso di comune accordo che era giunto il momento di andare oltre. “È triste sapere che non suonerò mai più sullo stesso palco di Peter e Michael”, ha detto Mike Mills a Rolling Stone quell’anno. “Ma abbiamo le nostre buone ragioni e preferiamo pensare al divertimento, alla gioia e alle incredibili opportunità che abbiamo avuto. Avevamo bisogno di dimostrare, non solo ai nostri fan e critici ma anche a noi stessi, che potevamo ancora incidere grandi dischi. Ne abbiamo pubblicati due. A quel punto abbiamo pensato: ce l’abbiamo fatta. Ora facciamo una cosa che nessun’altra band ha fatto: stringiamoci la mano e separiamoci in modo amichevole”.

Ultima performance: La band ha chiuso il tour mondiale del 2008 a Città del Messico, il 18 novembre. Nel marzo successivo hanno suonato E-Bow the Letter con Patti Smith al loro stesso concerto tributo alla Carnegie Hall. L’unica reunion che c’è stata da allora è avvenuta il 13 luglio 2016 quando Michael Stipe, Peter Buck e Mike Mills hanno suonato Losing My Religion a una festa di compleanno privata per il loro manager Bertis Downs in Francia.

Probabilità di reunion: La band dice che non accadrà mai, ma lo dicono tutti all’inizio. Vedremo che ne penseranno fra 10 anni anche se, a quel punto, avranno una settantina d’anni. Diamo loro un 30%.

The White Stripes

Perché si sono divisi: Nel 2007 i White Stripes hanno portato in tour l’album Icky Thump, ma le ultime date sono state cancellate a causa del “grave problema di ansia” accusato dalla batterista Meg White. Hanno annunciato la separazione nel febbraio del 2011. “Non per differenze artistiche o perché non vogliamo continuare”, hanno spiegato. “Né è per problemi di salute, giacché Meg e Jack stanno bene. È per una miriade di motivi, ma soprattutto per preservare ciò che è bello e speciale la band è stata. Meg e Jack sperano che i fan non si addolorino per la decisione e che la considerino un fatto positivo, frutto del rispetto per la musica creata dalla band. È una decisione presa con grande rispetto per i fan che hanno condiviso quelle creazioni. I loro sentimenti sono considerati molto importanti”.

Ultima performance: Il 20 febbraio 2009, i White Stripes hanno eseguito We’re Going to Be Friends nella puntata finale dello show di Conan O’Brien su NBC.

Probabilità di reunion: Essendo relativamente giovani pare probabile che le loro strade si possano incrociare di nuovo, prima o poi. Forse saranno headliner al Coachella del 2030. Stimiamo le probabilità di reunion al 60%.

Fugees

Perché si sono divisi: Spesso è più facile per le band affrontare il fallimento che il successo. I Fugees funzionavano bene come gruppo formato da tre membri fino al grande successo di The Score nel 1996. Poi qualcosa si è rotto. Wyclef Jean e Lauryn Hill, che erano una coppia, si sono separati causando complicazioni d’ogni tipo. Lauryn si è dedicata alla carriera solista, che è esplosa nel 1998 con The Miseducation of Lauryn Hill. L’album l’ha trasformata in una star che non sapeva più che farsene dei Fugees e di tutto quel che il gruppo comportava. Si sono sciolti nel 1998.

Ultima performance: Nel 2005 si sono riformati per il nuovo singolo Take It Easy, che è stato stroncato dalla critica, e si sono esibiti al Block Party di Dave Chappelle e ai BET Awards prima di lanciare un tour europeo. Lauryn arrivava spesso in ritardo agli spettacoli, causando tensioni dietro le quinte. La faccenda si è chiusa in tutta tranquillità all’inizio del 2006. Le cose hanno raggiunto un nuovo minimo l’anno successivo quando Wyclef ha detto che Lauryn aveva bisogno di terapia e Pras ha aggiunto che c’erano maggiori possibilità di vedere Osama Bin Laden e George W. Bush sorseggiare un cappuccino da Starbucks che vedere i Fugees di nuovo assieme.

Probabilità di reunion: Non corre buon sangue tra le fazioni dei Fugees. Pras si è persino pronunciato contro la candidatura di Wyclef alla presidenza di Haiti nel 2010. Detto questo, se mettessero da parte i contrasti farebbero un sacco di soldi. Lauryn non può continuare a proporre il suo show solista per l’eternità e sembra che il suo nuovo album non uscirà mai. Potrebbero volerci dieci o forse vent’anni, ma pensiamo che prima o poi i Fugees condivideranno di nuovo il palco. Lo diamo all’80%.

‘NSync

Perché si sono divisi: Nel 2002, Justin Timberlake si rese conto che la mania del boy band stava rapidamente scemando. Ha messo in pausa il gruppo e si è dedicato alla carriera solista. Gli altri pensavano di continuare in quattro, ma hanno saggiamente deciso di non farlo. Nel frattempo, Justin ha avuto una gran carriera e non si è più guardato indietro.

Ultima esibizione: La formazione a cinque non si è più esibita dalla breve reunion con Timberlake nel 2013, quando MTV ha assegnato al gruppo un Video Vanguard Award. I membri che non si chiamano Justin, tuttavia, hanno cantato Break Up With Your Girlfriend, I’m Bored con Ariana Grande al Coachella di quest’anno.

Probabilità di reunion: A quanto pare tutti i membri degli ‘NSync tranne Justin Timberlake stanno pensando seriamente a un tour di reunion. È probabile che il gruppo, anche privo di Timberlake, possa esibirsi in sale molto grandi e fare un bel po’ di grana. Così, le possibilità di una reunion a quattro stanno probabilmente attorno all’80% e quelle di una reunion a cinque al 40%.

The Smiths

Perché si sono divisi: Gli Smiths hanno raggiunto grandi risultati in cinque anni di carriera, ma quando il chitarrista Johnny Marr ha lasciato la band nell’estate del 1987 non era possibile continuare, nonostante un breve tentativo con il sostituto chitarrista Ivor Perry.

Ultima esibizione: L’ultimo concerto è stato alla Brixton Academy di Londra il 12 dicembre 1986. Hanno chiuso con Hand in Glove, che solo quattro anni prima era stato il loro primo singolo.

Probabilità di reunion: I rapporti fra i membri degli Smiths non sono granché buoni, soprattutto dopo che il batterista Mike Joyce ha fatto causa a Morrissey per una questione di royalties. Morrissey odia persino che gli si facciano domande sull’argomento dicendo che preferirebbe “mangiarsi i testicoli” piuttosto che esibirsi di nuovo con la band. Incredibile ma vero, Johnny Marr ha rivelato nel suo libro del 2016 che ha incontrato Morrissey nel 2008 e ha parlato con lui di riformare la band senza Joyce. Non se n’è fatto niente, ma il solo fatto che Morrissey fosse disposto anche solo a pensarci porta le chance al 10%.

Oasis

Perché si sono divisi: Anni di tensioni all’interno degli Oasis sono culminati nel litigio avvenuto nel backstage di un festival parigino nell’agosto del 2009. I resoconti di quel che è successo divergono, ma i fratelli Gallagher si sono affrontati e poi si sono rifiutati di salire sul palco. Il resto del tour è stato annullato. “Con un po’ di tristezza e grande sollievo ho lasciato gli Oasis stasera”, ha affermato Noel Gallagher in un comunicato. “La gente scriverà e dirà quello che le piace, ma molto semplicemente non potrei continuare a lavorare con Liam un giorno in più”.

Ultima performance: Il concerto finale ha avuto luogo il 22 agosto 2009, al V Festival di Weston Inghilterra. La baruffa parigina è avvenuta sei giorni dopo.

Probabilità di reunion: Non sorprende che i fratelli Gallagher abbiano idee divergenti circa la possibilità di tornare assieme. Liam sarebbe felice di farlo anche domani, Noel dice che la cosa non gli interessa. Entrambi se la cavano bene da soli, ma una reunion consentirebbe loro di suonare negli stadi di tutto il mondo e porterebbe nelle loro tasche una piccola fortuna. Potrebbe volerci un altro decennio o giù di lì, ma le probabilità che lo facciano prima o poi stanno all’80%.

Sonic Youth

Perché si sono divisi: Molto semplice: Thurston Moore e Kim Gordon hanno messo fine al loro matrimonio nel 2011 e il loro matrimonio stava alla base della band.

Ultima performance: Era il 12 novembre 2011, al Parque Brasil 500 di Paulínia, Brasile. L’ultima canzone che hanno fatto è il classico del 1988 Teen Age Riot.

Probabilità di reunion: Sonny e Cher si sono esibiti anni dopo aver divorziato. Probabilmente non ne erano felicissimi, ma il denaro ti convince a fare le cose più strane. Moore e Gordon ne farebbero a palate se mai decidessero di rimettere in piedi la band. E quindi diciamo 25%.

Black Sabbath

Perché si sono divisi: La band si è riformata con Ozzy Osbourne nel 2012 per un reunion tour senza il batterista Bill Ward. Questo ha portato al nuovo LP 13 nel 2013 e a un altro tour. L’unica altra mossa rimasta nel repertorio dei veterani del rock era il tour d’addio.

Ultima performance: Hanno detto basta dopo un concerto nella città dove sono nati, Birmingham, Inghilterra, il 4 febbraio 2017.

Probabilità di reunion: Ozzy Osbourne ha avuto seri problemi di salute negli ultimi anni che hanno messo sottosopra il suo tour d’addio solista, ma ha intenzione di tornare sulle scene l’anno prossimo. Difficile che vi siano altri concerti dei Sabbath per un bel po’, ma Ozzy ha detto di essere aperto alla possibilità se Bill Ward fosse della partita. “Quei concerti finali a Birmingham hanno avuto un sapore agrodolci perché non li abbiamo condivisi”, ha detto in maggio. “Forse un giorno ci sarà un concerto finale, chi lo sa”. Sembra che il terreno sia fertile per un ultimo sabba, sempre che i membri della band si mantengano in buona salute. Diciamo che le probabilità sono pari al 25%.

Simon & Garfunkel

Perché si sono divisi: Simon e Garfunkel sono riusciti in qualche modo a superare il loro odio reciproco dal 2003 al 2010, girando il mondo e attirando milioni di persone. Ma quando i problemi vocali di Garfunkel li hanno portati a cancellare alcune date, nel 2010, le vecchie tensioni si sono riaccese e si sono nuovamente separati.

Ultima performance: Hanno suonato Mrs. Robinson all’AFI Tribute to Mike Nichols il 10 giugno 2010. È quella la canzone che li ha resi superstar ed è accaduto grazie a Nichols, quindi ha un senso che questa sia stata la loro ultima performance assieme.

Probabilità di reunion: Paul Simon ha concluso il suo tour d’addio Homeward Bound l’anno scorso con uno spettacolo nel suo Queens. È cresciuto con l’amico Artie non lontano dal luogo del concerto, eppure quella sera Garfunkel non c’era. Abbiamo chiesto a Simon di una possibile reunion nel 2016 e lui è stato molto diretto: “Non se ne parla proprio”. Finché sono entrambi vivi, è possibile che a un certo punto vadano un tour, ma le probabilità sono del 20%.