Se non sei Neil Young, lasciare Spotify è un gran casino | Rolling Stone Italia
Home Musica Storie

Se non sei Neil Young, lasciare Spotify è un gran casino

Rosanne Cash, la figlia di Johnny Cash, spiega quant'è complicato per gli artisti lasciare la piattaforma. «Dovremmo spostare il dibattito pubblico su quanto poco si guadagna da Spotify»

Rosanne Cash

Foto: Al Pereira/Getty Images

La notizia dell’abbandono di Spotify da parte di Neil Young, Joni Mitchell, Graham Nash, India.Arie e altri, a causa della disinformazione sul coronavirus del popolare podcast di Joe Rogan, è finita su tutti i giornali e ha messo la piattaforma sotto i riflettori. Per altri artisti, veterani o esordienti, lasciare un servizio come Spotify non è semplice come sembra, non bastano un paio di clic. Lo stesso Young ha spiegato che prima di lasciare la piattaforma ha dovuto chiedere l’approvazione della sua etichetta, Warner Bros.

Rosanne Cash, musicista sulla scena dagli anni ’70 e con un’impressionante quantità di musica su Spotify e altre piattaforme, ha spiegato a Rolling Stone US le domande che gli artisti si pongono prima di lasciare una piattaforma digitale.

Adoro Neil e Joni, è come se fossi loro figlia. Quand’ero giovane, Joni mi ha fatto capire che anche le donne potevano fare le cantautrici. Ed è ovvio che Neil ha tutto il diritto di fare quello che ha fatto e condivido la sua posizione. È una questione di principio e ha avuto un gran coraggio. E ha ragione, la disinformazione sul Covid è pericolosa, irresponsabile e non fa bene alla comunità.

Ma loro sono artisti con una lunga storia, hanno la forza per costringere le etichette a togliere i loro dischi da Spotify. Vorrei che spiegassero come hanno fatto e perché. Anzi, credo che avrebbero dovuto dire chiaramente: «A differenza degli altri, io posso farlo».

La maggior parte degli artisti non può fare altrettanto. La gente non sa quant’è complesso. Io non sono l’unica a possedere i diritti dei miei lavori. Sony ha ancora alcuni miei master. Idem Universal. E non c’entrano solo le etichette, bisogna coinvolgere anche gli editori, perché Spotify ha bisogno di entrambe le cose, la registrazione vera e propria – la performance insomma – e il copyright. C’è poi la questione dei co-autori. Cosa succede se il tuo co-autore non vuole che la canzone sparisca dalla piattaforma? È davvero complicato.

La gente mi scrive su Twitter: «Mi aspetto che anche tu tolga la tua musica», «Quando lo farai?», «So che seguirai il loro esempio». Un tizio mi ha detto: «Potresti pagare un avvocato per aiutare gli artisti più giovani a fare la stessa cosa». Volete che io faccia causa a Universal per un contratto che ho firmato volontariamente? Non avrebbe senso.

Non ci sono solo quelli che vorrebbero togliere la propria musica da Spotify, ma non hanno il diritto di farlo in autonomia. Un sacco di gente non vuole proprio farlo. Le piattaforme digitali permettono di vivere, anche se i guadagni sono miseri. È così che funziona. Le piattaforme controllano il 40% del mercato: è per questo che gli artisti più giovani, quelli che stanno cominciando a fare questo mestiere, non possono lasciarle. Significherebbe rinunciare alla loro entrata principale. Mio figlio è un musicista e ha bisogno dei 500 dollari, o quel che è, che gli arrivano dallo streaming.

Spotify deve avere contezza di queste cose e cominciare a pagare gli artisti equamente, questo è il primo problema da risolvere. Agli artisti arrivano cifre ridicole. Spotify non è una casa discografica, ma una tech company. Non ci fa piacere, ma è così. Qual è l’alternativa, cancellare internet? Ci sarà sempre qualcuno che fa disinformazione, siamo pieni di politici falsi e viscidi. Le piattaforme online devono autoregolarsi.

Io supporto l’organizzazione no profit Artist Rights Alliance. Di recente abbiamo depositato un reclamo alla Federal Trade Commission. Il membro del congresso Ted Deutch ci ha aiutato, speriamo che altra gente si unisca. Ha proposto una nuova legge, si chiama Protect Working Musicians Act, permetterebbe di negoziare collettivamente i guadagni dello streaming e avere maggiore trasparenza e controllo.

La gente pensa che dovremmo prendere posizione e mollare Spotify. Ma è vero anche il contrario: i consumatori dovrebbero boicottare la piattaforma e chiedere che cambi, che sia trasparente. Usate Spotify in versione gratuita? Perché non pagate per l’account premium?

Neil è nel giusto, ma la cosa è complicata e forse il suo non è il modo giusto per convincere Spotify a controllare i contenuti. Neil, Joni e altri hanno spostato il dibattito pubblico sugli artisti, attribuendo loro l’onere di cancellare la musica. Dovremmo invece parlare di quanto poco si guadagna da Spotify. Gira questo hashtag: “Delete Spotify”. Bene, grandioso. Andate su Apple Music o altrove. Ma perché non iniziamo a pagare gli artisti per il loro lavoro?

Questo articolo è stato tradotto da Rolling Stone US.