Home Musica Playlist

La playlist del Colle der Fomento

Il trio di guru dell'hip hop sarà ospite del Big Bang Fest di Nerviano (Milano) giovedì 30 maggio: una buona scusa per farci dare 5 pezzi sul passato, presente e passato del rap

Foto di Luca Salticchioli

In questa sezione delle playlist abbiamo ospitato tanti nomi finora, gran visir dell’elettronica internazionale o del pop, ma quando si parla di rime forse è il caso di non andare troppo lontano. Proprio qui in Italia, nella Capitale, da più o meno 25 anni un trio di fanti dell’hip hop porta avanti la causa rap reinventandosi ogni volta (l’ultima, l’anno scorso con il nuovo album Adversus): il Colle Der Fomento.

Siccome Danno, Masito e Baro saranno ospiti del Big Bang Music Fest di Nerviano (Milano) giovedì 30 maggio (è gratis, come tutto il festival), l’allineamento planetario era dalla nostra parte per combinare una bella playlist che parli di rap di ieri, oggi e soprattutto domani.

A proposito, proprio al Big Bang Music Fest sarà presente anche Open Test, un’iniziativa davvero utile messa in campo da Anlaids per offrire ai partecipanti del festival test dell’HIV gratuiti e rapidi. Mica male come idea.

“Come Down” di Anderson .Paak

Un dei nuovi artisti che più ci mette d’accordo, capace di scavalcare ogni genere, dal rap alla trap al soul al funk qui c’è tutta la musica che ci piace..

“Passing Me By” di Tha Pharcyde

Li ascoltavamo mentre andavo a scuola con il walkman, il loro suono ricco e musicale unito a metriche complesse ma fluide e quasi cantate, super!!! Un rap inadatto alla massa, solo per intenditori.

“Chief Rocka” di Lords of the Underground

Oltre al pezzo che è stato per anni nella nostra top five, il video è un manifesto di stile, racconta la NY che piace a noi, che immaginavamo….lo guardavamo mille volte per copiare gli stili di abbigliamento e i movimenti.

“Streets” di Black Thought Ft. Tish Hyman

Black Thought dei The Roots ovvero uno dei rapper più forti e concreti in assoluto, solido e imbattibile è l’MC di cui gli altri dovrebbero avere paura.

“Swammy Kubrick” di Al Divino

Uno dei pesi massimi di questa “nuova vecchia scuola” che sta riportando il suono east coast al centro dei radar, roba malatissima per chi sta in fissa per il rap.

Leggi anche