Win Butler degli Arcade Fire si scaglia su Trump: "È un fottuto incubo" | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Win Butler degli Arcade Fire si scaglia su Trump: “È un fottuto incubo”

Durante un'intervista durante la Red Bull Music Academy di Montreal, il frontman degli Arcade Fire ha confessato le sue preoccupazioni per le prossime elezioni americane e ha raccontato dell'amicizia con Bowie

Win Butler degli Arcade Fire, foto via Facebook, courtesy of http-::ihateflash.net:

Win Butler degli Arcade Fire, foto via Facebook, courtesy of http-::ihateflash.net:

Il cantante degli Arcade Fire Win Butler si è scagliato contro Donald Trump durante un’intervista rilasciata durante la Red Bull Music Academy di Montreal, definendo il candidato Repubblicano «un totale fottuto incubo, un clown, una presa in giro».
Il frontman canadese, come inoltre riporta Pitchfork, ha voluto spendersi in favore della Democratica Hillary Clinton, affermando che la candidata «sarà un grande presidente».

«Quest’elezione è estremamente importante – ha aggiunto Butler – non dovete uscire con Hillary Clinton ma almeno votatela! Tutti si devono registrare al voto perché la situazione non diventi ancora più pesante; le conseguenze sarebbero catastrofiche».

Il musicista, inoltre, ha dichiarato che se Trump fosse eletto Presidente seguirebbe un impatto negativo per milioni di americani: «Moltissimi bambini non avrebbero accesso all’assicurazione sanitaria e all’istruzione», ha detto Butler.

Durante le quasi due ore d’intervista, il cantautore ha raccontato dell’incontro con la moglie e compagna di band Régine Chassagne, del suo disinteresse per la critica musicale e del rapporto che legava i suoi Arcade Fire a David Bowie, che prestò la sua voce a Reflektor, uno degli ultimi singoli della band: «È stato come incontrare uno dei propri eroi – ha detto della collaborazione con Bowie – per me era un’immensa fonte d’ispirazione».