Home Musica News Musica

Vasco Rossi chiede silenzio per Lucio Battisti

Ventidue anni fa moriva il genio di ‘Emozioni’. Oggi come allora il rocker dice che il miglior modo per ricordarlo è stare zitti e rispettare la sua volontà di esprimersi solo attraverso le canzoni

Lucio Battisti

Foto IPA

«Quando è morto Battisti ho sentito il bisogno di Silenzio, soprattutto mediatico. Rispettoso silenzio per un artista che diceva tutto attraverso le sue canzoni. Ancora oggi dopo 26 anni penso lo stesso. Wiva Lucio Battisti, wiva le sue canzoni immortali».

Così Vasco Rossi ha ricordato oggi Lucio Battisti, di cui ricorre l’anniversario della morte: è infatti scomparso il 9 settembre 1998. All’epoca Rossi scriveva: «Cosa volete che vi dica? Avete bisogno di riempire pagine? Non lo sapete che Battisti è già nel cuore di tutti? Non c’è bisogno di scriverlo o di andare in televisione a “dirlo”! Noi non ne abbiamo bisogno».

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Quando è morto Battisti ho sentito il bisogno di Silenzio, soprattutto mediatico. Rispettoso silenzio per un artista che diceva tutto attraverso le sue canzoni. Ancora oggi dopo 26 anni penso lo stesso. Wiva Lucio Battisti, wiva le sue canzoni immortali. • “Uno” che desidera solo essere considerato l’autore delle sue canzoni! Senza più esagerazioni, mitizzazioni…. “Uno” che che vuole smetterla di apparire come voi lo fate apparire involontariamente, naturalmente, casualmente… non responsabilmente, nel senso che non siete determinanti come “singoli”… siete troppi… e individualmente non siete potenti o influenti! Be’, tranne qualcuno naturalmente, che scrive sul giornale più diffuso… e può divertirsi… Un artista che vuole affidare “solo” alle sue opere la comunicazione delle sue emozioni, della propria arte… e lo fa così bene, tra l’altro, che viene capito da tutti… senza bisogno di “spiegazioni”, di articoli, di interviste, di niente! Uno così, lasciatemelo dire, voi lo dovete rispettare! Stare zitti, non scrivere niente, andare in vacanza, prendere le ferie, inventare una bella scusa per il… direttore… e lasciare ai “cronisti” il compito di informare che Battisti è morto! Il resto lo sappiamo già!… tutti! Da La Versione di Vasco. • • #vascorossi #il_blasco_fan_club #musica #loradistoria #iovasco #memories #luciobattisti #battisti #cantautori #ilgeniodizocca #provoKautore #ilredeglistadi #rock #rockstar #canzoni #estate2020 #fuckcovid #restarevivisanielucidifinoal2021

Un post condiviso da Vasco Rossi (@vascorossi) in data:

Nel 1998, in un passaggio incluso nel libro La versione di Vasco, Rossi definiva Battisi «un genio, un leader, un maestro, un grande artista che ha deciso a un certo punto di smetterla di parlare con i… voi, i “media”, ecc ecc, forse perché lo avete deluso! […] “Uno” che non vuole più che le sue dichiarazioni oneste, fatte col cuore, vengano usare in altri contesti, per altri scopi, in modo improprio o addirittura strumentale, per ridicolizzare o sminuire, umiliare a uso e consumo… coperti da quella impunità che rende invidiosi, cattivi e malvagi […] “Uno” che desidera solo essere considerato l’autore delle sue canzoni! Senza più esagerazioni, mitizzazioni». Uno così, concludeva Vasco «voi lo dovete rispettare».

Altre notizie su:  Lucio Battisti Vasco Rossi