Un documentario esplorerà i primi anni di David Bowie

Farà da prequel a 'David Bowie: Five Years' e a 'David Bowie: The Last Five Years'.
David Bowie in versione Ziggy Stardust a New York nel 1973. Foto di Michael Ochs Archives/Getty Images

David Bowie in versione Ziggy Stardust a New York nel 1973. Foto di Michael Ochs Archives/Getty Images


Un nuovo documentario su David Bowie è in lavorazione e farà da prequel a David Bowie: Five Years (2013) e David Bowie: The Last Five Years (2017), trasmessi dalla BBC. Il film si concentrerà sui primi anni del Duca Bianco e andrà in onda l’anno prossimo con il titolo The First Five Years.

Nel frattempo, i Muppets hanno cantato Bowie durante il loro spettacolo al The O2 di Londra il 14 luglio. Insieme a Kylie Minogue e David Tennant, c’erano anche i comici Kevin Bishop e Adam Hills, l’attore Charles Dance, il quinto Doctor Who Peter Davison e gli Steps: durante lo show è stata proposta una cover del brano del 1972 di Bowie Suffragette City, oltre a citare Bohemian Rhapsody dei Queen. Hanno anche dato un grido alla performance della Coppa del Mondo inglese.

Il mese scorso Trent Reznor ha rivelato come David Bowie l’abbia aiutato a vedere “la luce alla fine del tunnel” a metà degli anni ’90.

“Non ero il ragazzo che a 12 anni si faceva una birra e si trasformava in un lupo mannaro”, ha detto. “Non ero preparato per l’effetto della fama. Ora sono tutti qui per vedermi, e sento ancora di non appartenere a loro, di non meritare di essere lì, di non sapere come recitare.

“Ma mi sono trovato a disagio in uno scenario in cui tutti vogliono essere tuoi amici”, ha continuato. “Farsi un drink o due era uno strumento. Ha aiutato, per un po’, fino a quando non ha iniziato a definire chi ero. In ogni scenario, dovevo bere, perché quello ero io”.

“Bowie mi ha aiutato”, ha spiegato Reznor. “Ho visto qualcuno che era passato attraverso la dipendenza, ed era felice e ottimista, non aveva paura. Ho pensato: se può farlo, forse c’è la luce alla fine del tunnel”.

Leggi anche: