Home Musica News Musica

Tim Lambesis (As I Lay Dying) condannato a sei anni di carcere

Condanna mite per il frontman della metal band che confessò di aver cercato di uccidere l'ex moglie. Intanto gli ex colleghi fondano i Wovenwar

Tim Lambesis | Mark Runyon | ConcertTour.org

Tim Lambesis | Mark Runyon | ConcertTour.org

Tim Lambesis in concerto Foto CC Mark Runyon | ConcertTour.org via Flickr

L’ex (a questo punto – e più avanti spieghiamo meglio il perché) frontman degli As I Lay Dying Tim Lambesis è stato condannato a sei anni di carcere per aver tentato di assoldare un sicario per uccidere l’ex moglie. All’ottenimento di una condanna così mite hanno contribuito principalmente due fattori: la confessione resa dal cantante lo scorso febbraio e le circostanze dietro il folle piano di Lambesis, ossessionato a tal punto dalla forma fisica da essere diventato dipendente da steroidi che secondo l’avvocato difensore e il giudice lo avevano reso parzialmente incapace di intendere e di volere.

Al momento della sentenza erano presenti in aula, davanti al giudice Carlos Armour, l’ex moglie Meggan Lambesis e anche tre degli As I Lay Dying, Nick Hipa, Phil Sgrosso e Josh Gilbert. La donna è anche protagonista di una causa civile contro l’ex compagno, al quale ha richiesto un risarcimento di due milioni di dollari.

Dal canale ufficiale di Tim Lambesis su YouTube: il suo programma fitness…

Come scrivevamo in apertura, Lambesis può ufficialmente essere considerato un ex As I Lay Dying: Hipa, Sgrosso e Gilbert, insieme al batterista Jordan Mancino, hanno formato una nuova band dal nome Wovenwar, con alla voce Shane Blay degli Oh, Sleeper. La formazione sta lavorando a un disco di debutto in queste settimane.

Leggi anche