The Ventures, addio a Don Wilson | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

The Ventures, addio a Don Wilson

Il chitarrista e co-fondatore di una delle più celebri surf band americane aveva 88 anni: la loro versione di 'Walk, Don't Run' è stata inclusa tra le 100 migliori canzoni per chitarra di tutti i tempi da 'Rolling Stone'

Don Wilson (secondo da sinistra) con i the Ventures nel 1960

Foto: Michael Ochs Archives/Getty Images


Don Wilson, co-fondatore e chitarrista dei Ventures, è morto sabato all’età di 88 anni. La famiglia ha confermato al giornalista di Seattle Saint Bryan che il Wilson «se n’è andato pacificamente» per cause naturali a Tacoma, Washington. «Nostro padre era un chitarrista ritmico straordinario che ha toccato persone in tutto il mondo con la sua band, i Ventures», ha detto il figlio di Don, Tim. «Avrà il suo posto nella storia per sempre ed è stato molto amato e apprezzato. Ci mancherà».

Wilson e il chitarrista/bassista Bob Bogle formarono i Ventures nel 1958 quando erano entrambi operai edili dell’area di Seattle e facevano i musicisti come secondo lavoro; solo due anni dopo, l’interpretazione guidata dalla chitarra elettrica dei Ventures di Walk, Don’t Run di Johnny Smith è salita al numero due della Hot 100; sarebbe poi stata inclusa tra le 100 migliori canzoni per chitarra di tutti i tempi da Rolling Stone.
«Walk, Don’t Run ha dato inizio a un movimento completamente nuovo nel rock & roll», ha detto John Fogerty quando ha introdotto i Ventures nella Rock and Roll Hall of Fame. «Il suono è diventato ‘musica da surf’ e quell’audacia ha dato potere ai chitarristi di tutto il mondo».

Il singolo si dimostrò così duraturo che quando i Ventures pubblicarono una versione ri-registrata di Walk, Don’t Run nel 1964 – nel bel mezzo dell’esplosione del surf rock – si piazzò ancora una volta nella Top 10. Nella prima metà deglii anni Sessanta, la band avrebbe messo a segno nuovi successi con Telstar, Perfidia e una versione del tema di Hawaii Five-O.
Prima del loro inserimento nel 2008, la Rock and Roll Hall of Fame ha definito i Ventures «la band quintessenza del rock and roll strumentale». «Pochi gruppi sono prolifici come i Ventures: hanno pubblicato trentasette album in dodici anni, molti dei quali tematici», ha affermato la Rock Hall. «Hanno scosso l’America negli anni Sessanta e sono diventati famosi e influenti a livello internazionale».

Tra coloro che sono stati influenzati: Eddie Van Halen, che una volta ha detto a Rolling Stone che Pipeline dei Ventures è stata una delle prime canzoni che ha imparato quando ha iniziato a suonare la chitarra. Anche i Beach Boys hanno imparato a suonare la chitarra ascoltando i dischi dei Ventures, raccontò una volta Carl Wilson.

Nell’arco di 40 album (e potenzialmente centinaia), i Ventures hanno registrato principalmente cover rock strumentali di successi di altri artisti, ma quando la band ha scritto la propria musica, sono stati spesso Wilson e Bogle a farlo; Wilson è anche accreditato per Love Goddess of Venus, da The Ventures in Space del 1964.

Mentre i Ventures continuano a esibirsi con una formazione completamente diversa, Wilson è stato l’unico membro sopravvissuto della formazione “classica” della band, introdotta nella Rock Hall: il batterista Mel Taylor è morto nel 1996, seguito da Bogle nel 2009, il chitarrista Nokie Edwards nel 2018 e il chitarrista Gerry McGee nel 2019.

Da Rolling Stone USA

Altre notizie su:  Don Wilson The Ventures