Home Musica News Musica

The Italian New Wave colonizza la Triennale di Milano

La serata di venerdì 1 giugno ha il preciso intento di fondere nello stesso ambiente due arti ben distinte: la musica e la danza.

To Be Banned From Rome. Foto di Andrea Macchia

To Be Banned From Rome. Foto di Andrea Macchia

La ricerca coreografica e la sperimentazione musicale sono i fini ultimi della serata che Triennale Teatro dell’Arte propone al pubblico milanese venerdì 1 giugno.

Porta il nome intuitivo di Dance Night e consiste nelle performance di grandi protagonisti della danza italiana, abbinate alle esibizioni di alcuni dei mustang della scuderia di The Italian New Wave, creatura nata da una costola di Club To Club con il preciso obiettivo di spingere gli artisti elettronici e avant pop della penisola.

La prima parte della serata si consumerà nella sala di Triennale, partendo con uno spettacolo che unisce entrambe le arti protagoniste del format. Annamaria Ajmone, ballerina acclamata, e Alberto Ricca, artigiano della forma d’onda non poi così bravo a ballare ma giustamente testa di serie di The Italian New Wave, hanno unito le forze per dare vita a TO BE BANNED FROM ROME. Due visioni e due mondi differenti che si trovano a condividere lo stesso terreno e soprattutto lo stesso tema, quello dell’identità.

To Be Banned From Rome

To Be Banned From Rome

A seguire Higher, spettacolo nato dalla sinergia di Lorenzo Senni e Michele Rizzo, coreografo italo/olandese che ha incentrato l’attenzione della sua performance sulla tradizione del ballo da club. Qualcosa che, giustamente, in Olanda conoscono molto bene, da molto tempo.

Infine Dewey Dell, compagnia cesenate che punta sempre a coinvolgere diverse forme d’arte, come nel caso di è elle vide, performance con protagonisti due animali, lo scorpieone e il gallo, e una colonna sonora che non si sente tutti i giorni.

La serata comunque non si concluderà all’interno di Triennale ma proseguirà nell’immenso giardino, grazie ai DJ set dei tre artisti The Italian New Wave coinvolti quella sera: Chevel e Palm Wine in un DJ Set e Bienoise in un live. Trovate tutte le info sul sito di Triennale.

Leggi anche