Home Musica News Musica

The Clash, una mostra e una ‘reunion’ per il 40° anniversario di ‘London Calling’

Per celebrare l'uscita dell'album che ha trasformato la band in un simbolo del punk, a Londra aprirà una mostra gratuita con alcuni cimeli e oggetti personali appartenuti a Joe Strummer, mentre Paul Simonon, Mick Jones e Topper Headon si ritroveranno per la proiezione del film-documentario ‘Westway to the World’

I Clash

Foto: Getty Images

Il prossimo 15 novembre, al Museum of London, aprirà una mostra gratuita che celebrerà il quarantesimo anniversario dell’uscita dell’album dei Clash London Calling, uscito il 14 dicembre 1979.

La mostra includerà alcuni oggetti personali dei membri della band, immagini inedite e memorabilia legati alla storia dei Clash, tra cui il basso Fender Precision schiantato da Paul Simonon al Palladium di New York City il 21 settembre del 1979, immortalato dalla fotografa Pennie Smith nello scatto leggendario finito sulla copertina dell’album. E ancora, alcuni oggetti personali di Joe Strummer, tra cui il taccuino su cui il cantante scomparso nel 2002 scrisse le prime bozze delle canzoni di London Calling.

La mostra sarà quindi incentrata sul doppio legame tra l’album e la città di cui cantava, una riflessione sul contesto politico e sociale in cui nacque il disco e su come London Calling abbia per sempre cambiato la percezione del volto di Londra.

Inoltre, sempre per celebrare il quarantesimo anniversario dell’album, sarà pubblicata una nuova edizione limitata in 2 cd mentre, dal 15 novembre, saranno invece disponibili anche una riedizione in doppio vinile da 180 grammi e il libro London Calling Scrapbook, per 120 pagine con note scritte a mano, documenti inediti, immagini e tante altre testimonianze risalenti alla genesi dell’album.

Imperdibile, invece, l’appuntamento fissato per il 14 dicembre, il giorno esatto dell’anniversario, dato che il British Film Institute ha organizzato a Londra una speciale proiezione di The Clash: Westway to the World, il film-documentario diretto da Don Letts uscito nel 2000. In occasione della proiezione, infatti, i componenti ancora in vita della band – Paul Simonon, Mick Jones e Topper Headon – si ritroveranno insieme per la prima volta per prendere parte alla discussione moderata dallo stesso Letts.

Leggi anche