Home Musica News Musica

Saresti in grado di distinguere un brano in alta qualità?

Preferisci l'alta qualità di Tidal o la minor qualità ma maggiore accessibilità di Spotify? Prima forse è il caso di fare questo test online

Cosa c'entrano i Motörhead? Centrano sempre i Motörhead. Foto: Facebook

Cosa c'entrano i Motörhead? Centrano sempre i Motörhead. Foto: Facebook

Ultimamente, i concetti di streaming in alta qualità e compressione dei file sono al centro di discussioni infinite. Prendi Jay Z, che con la sua piattaforma Tidal ha sbandierato ai quattro venti l’alta qualità del suo servizio di fruizione audio e video online.

Da qui le conseguenti polemiche, dovute al fatto che il doppio della cifra mensile di Spotify — che costa circa 10 euro al mese e offre brani in qualità MP3 a 320kbps — sia troppo, specie perché non è da tutti riuscire a riconoscere un file audio compresso da uno non. A cosa serve poi l’alta qualità, se l’utente medio utilizza il servizio da altoparlanti che riproducono il suono in bassa qualità come gli speaker del laptop?

E voi siete tra gli utenti medi? Sareste in grado di distinguere un file WAV non compresso da un 128 kbps o uno in qualità audio a 320kbps? Mettevi alla prova QUI. Per ogni spezzone di file audio dovrete azzeccare quello con la qualità più alta, ovvero il WAV non compresso.