Home Musica News Musica

Spotify potrebbe aumentare il prezzo dell’abbonamento mensile

Secondo ‘Bloomberg’ l’azienda di streaming inizierà un “periodo di test” in alcuni paesi, poi l’aumento diventerà globale

Lanciato nell'ottobre del 2008, Spotify è uno dei servizi di streaming più popolare al mondo

Durante i primi dieci anni di attività, Spotify ha sempre fatto fatica a bilanciare i due rami del suo business – i pagamenti delle royalties ad artisti e label, e un costo d’abbonamento incredibilmente basso per gli utenti –, con il risultato che il bilancio dell’azienda preoccupa analisti ed esperti dell’industria discografica. I conti, però, potrebbero cambiare presto.

Al momento, il servizio di streaming svedese sta negoziando nuovi contratti di licenza con le etichette discografiche, il che potrebbe favorire una ristrutturazione finanziaria dell’azienda, che, lo ricordiamo, non è mai stata così potente sul mercato. Inoltre, secondo un articolo di Bloomberg, Spotify proverà ad aumentare i prezzi degli abbonamenti in alcuni paesi – un primo passo verso un aumento globale dei costi del servizio.

Per il momento Spotify si limiterà a un test che coinvolgerà solo i paesi scandinavi, dove il costo dell’abbonamento salirà del 13%. Svezia, Danimarca e Norvegia sono perfetti per l’esperimento: in Svezia c’è il quartier generale dell’azienda, ed è lì che avviene il testing di tutte le novità. Al momento, l’azienda non ha commentato la notizia e non ha voluto svelare né il numero degli utenti coinvolti né la durata del test.

L’idea del colosso dello streaming è una grande notizia per l’industria discografica. Secondo l’ultimo report diffuso il mese scorso, Spotify conta 232 milioni di utenti, e 108 di questi pagano un abbonamento. Il guadagno per utente, però, è diminuito a causa della diffusione di sconti, periodi di prova, offerte per studenti e così via. L’azienda ha promesso che questa “spinta al ribasso” verrà “moderata” durante l’anno. Al momento l’aumento dei prezzi non è stato confermato o annunciato ufficialmente, ma sicuramente potrebbe aiutare l’azienda a migliorare la sua situazione economica.

Leggi anche