I Simpson hanno pubblicato una delle canzoni parodia di Morrissey | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

I Simpson hanno pubblicato una delle canzoni parodia di Morrissey

Si tratta di 
‘Everyone Is Horrid Except Me (And Possibly You)’, uno dei brani scritti per l’episodio dello show ispirato al cantante (che l'ha criticato duramente). Alla voce c’è Benedict Cumberbatch

I Simpson hanno pubblicato una canzone estratta dal recente episodio “dedicato” a Morrissey. Si intitola Everyone Is Horrid Except Me (And Possibly You), ed è disponibile su tutte le principali piattaforme di streaming.

L’episodio, intitolato Panic in the Streets of Springfield, è andato in onda negli Stati Uniti ad aprile. Racconta la storia di Lisa e della sua amicizia con il musicista britannico e vegano Quilloughby (interpretato da Benedict Cumberbatch), ex frontman della band The Snuffs. Quilloughby appare come amico immaginario di Lisa, e cerca di convincerla a diventare come lui. Dopo che lei vede un vero concerto del cantante, però, è scioccata nello scoprire che è diventato maleducato e xenofobo.

L’episodio è ricco di canzoni originali, scritte insieme a Bret McKenzie dei Flight of the Concords. Tra queste c’è Everyone Is Horrid Except Me (And Possibly You), oltre a Hamburger Homicide (un omaggio a Meat Is Murder degli Smiths) e How Late is Then? (probabilmente ispirata a How Soon Is Now?).

Come prevedibile, Panic on the Streets of Springfield ha fatto arrabbiare Morrissey. Il primo a parlarne è stato il manager Peter Katsis, che ha scritto sulla pagina Facebook del cantante che i Simpson «vogliono capitalizzare controversie ridicole e diffondere rumor orrendi». Morrissey ha poi pubblicato una lettera sul suo sito, dicendo che l’unica cosa che gli impediva di denunciare lo show erano le spese legali troppo alte.

«Queste accuse di solito arrivano da chi desidera sentirsi importante, non da persone di alto livello», ha scritto. «È evidente che scrivere per i Simpson richiede ignoranza assoluta. Ma tutte queste cose sono facili da dire, per me. In un mondo ossessionato dalle leggi sull’odio, nessuna protegge me».

Altre notizie su:  Benedict Cumberbatch Morrissey