Siete pronti per il duetto tra Francesco Bianconi e Baby K? | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Siete pronti per il duetto tra Francesco Bianconi e Baby K?

Non è uno scherzo: il 7 gennaio uscirà la cover di ‘Playa’, primo estratto da un nuovo album del cantante dei Baustelle, e sarà cantato con l'interprete e co-autrice originale

Foto press

Siete pronti per il duetto tra Francesco Bianconi e Baby K? Non è uno scherzo, il cantante dei Baustelle ha spesso interpretato nell’ultimo anno la hit del 2019 Playa. L’ha fatto prima nella serie della sua «radiolibera dello spirito» Storie inventate e poi sul palco durante i concerti estivi.

Ora Bianconi annuncia che il 7 gennaio uscirà una nuova versione della cover, interpretata con Baby K. «È una canzone che ho cantato tanto durante questo tempo di pandemia e che mi ha aperto il cuore e aiutato sul serio a sopravvivere. La seconda notizia è che la canto insieme a Baby K, che della canzone è l’originale autrice e interprete e che, come sentirete, riuscirà a toccarvi l’anima anche in questa versione notturna del pezzo».

«La terza notizia» continua Bianconi «è che Playa è un estratto di un mio disco nuovo che uscirà anche lui a gennaio. Ma di questo parleremo in un’altra occasione». L’ultimo album di Bianconi è Forever, uno dei migliori del 2020.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Francesco Bianconi (@francesco_bianconi_official)

Scriveva poco già di un anno fa Bianconi a proposito di Playa: «Mia figlia l’ha ascoltata e cantata a ripetizione, era la sua preferita fra i tanti tormentoni che passavano in radio. Devo confessare che ha rapito anche me: mi piaceva la melodia, e il fatto che in pratica è un pezzo fatto solo di ritornelli killer che si alternano e si ripetono sopra gli stessi tre accordi maggiori in croce».

«Sotto la chincaglieria dell’arrangiamento sentivo che c’era una verità, un qualcosa, una bellezza che mi faceva commuovere. Perciò da subito Playa io me la sono immaginata lentissima, ballad, e spogliata di tutto il suo armamentario dance sudamericano. La visione era per me struggente, e non vedevo l’ora di cantare queste parole così cariche di vita dentro un mondo sonoro che per me doveva per forza essere riportato a uno stadio primitivo. Baby K e gli autori mi perdoneranno se ho fatto qualche sostituzione armonica, e cercato di cantarla in una maniera che sta fra il distacco e una specie di gioia disperata, come fosse l’ultimo giorno del mondo».

A questo link trovate la versione per voce e pianoforte di Playa con Bianconi e Angelo Trabace.

Altre notizie su:  Baby K Francesco Bianconi