Scopri chi ha vinto il Jägermusic Lab con guest come Nitro, Margherita Vicario e Dardust | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Scopri chi ha vinto il Jägermusic Lab con guest come Nitro, Margherita Vicario e Dardust

È finalmente disponibile la docu-serie che celebra il ritorno alla notte e che ha visto impegnati dieci aspiranti “music meister” tra i migliori talenti della musica elettronica italiana.

Basta cliccare qui per vedere l’intera docu-serie che racconta il percorso dei dieci che hanno partecipato alla quarta edizione dello Jägermusic Lab 2021, il progetto di Jägermeister che scopre i nuovi talenti della musica elettronica italiana e avvicinarli al grande pubblico.

I giovani producer e dj hanno trascorso dieci giorni all’Area Pergolesi di Milano per creare il brano migliore e diventare così il nuovo Music Meister italiano. Nelle puntate si possono seguire le avventure dei partecipanti, tra giornate intense di studio e gli stimolanti interventi degli special guest che hanno preso parte al progetto: dal rapper Nitro alla cantautrice Margherita Vicario passando per il musicista e produttore multiplatino Dardust.

Oltre ad aver partecipato alla scelta e alla formazione della classe 2021, i tre giudici hanno portato le loro esperienze, i loro racconti, dando consigli e aiutando i ragazzi nella creazione del loro inedito per il gran finale.
I dieci partecipanti allo Jägermusic Lab erano: Astrality, Cucina Sonora, Fivequestionmarks, Kaishi, Katnada, Kharfi, Radio Trapani, Sally Bumps, Simber e Tokyo Project.

Prima hanno seguito un brief dei The ReLOUD, i fondatori e master teacher della Mat Academy, in seguito si sono confrontati creando una vera e propria squadra per preparare la prova finale. Nel mentre, per ogni sera i dieci concorrenti hanno avuto la possibilità anche di esibirsi davanti al pubblico milanese, durante la mostra Save the Night allestita all’interno dell’Area Pegolesi, pensata e progettata da Sergio Pappalettera, direttore artistico – tra i tanti – dei tour di Jovanotti e il team di Sugo Design, che ha preso spunto dall’album To The Other Side dei The ReLoud per raccontare un viaggio totalizzante nel mondo della notte tramite una video art exhibition aperta al grande pubblico per 6 serate.

Da questo intenso percorso alla fine è emerso il vincitore: Tokyo Project, all’anagrafe Giulio Tosi, che ha conquistato la commissione con le sue abilità tecniche e il brano Save The Night. E grazie a questo risultato, avrà la possibilità di firmare un contratto di booking con le etichette partner del progetto come Island Records/Universal e la Waveskin Records, etichetta della Mat Academy. Inoltre, come per le edizioni precedenti, il vincitore avrà la possibilità di essere inserito nelle line-up dei migliori festival italiani sostenuti da Jägermeister come Kappa, Movement, Social Music City, RoBOT e Decibel. Ma le novità non sono ancora finite, perché tutti i brani inediti, prodotti dai 10 Music Meister durante l’Academy di Milano, sono stati racchiusi nell’album Save the Night, disponibile su tutti i portali. La raccolta spazia da beat synth pop alla techno, passando per il trip-hop e l’house: un viaggio sonoro con mille sfumature. Buon ascolto.