Roger Waters, Serj Tankian e i Rage Against the Machine chiedono agli artisti di boicottare Israele | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Roger Waters, Serj Tankian e i Rage Against the Machine chiedono agli artisti di boicottare Israele

«Chiediamo a tutti di rifiutarsi di suonare per le istituzioni culturali israeliane, sono complici», scrivono in una lettera. Hanno firmato anche Run the Jewels, Patti Smith e Julian Casablancas

Roger Waters, Tom Morello e Serj Tankian

Foto: KGC-138/STAR MAX/IPx/AP; Amy Harris/Invision/AP, 2*

Roger Waters, Serj Tankian, Rage Against the Machine, Run the Jewels e Patti Smith, insieme ad altri 600 musicisti, hanno firmato una lettera aperta per chiedere agli artisti di boicottare i concerti in Israele finché non ci sarà una «Palestina libera». Tra gli artisti che hanno aderito – i “Musicians for Palestine” – ci sono anche Julian Casablancas, Black Thought e Questlove dei Roots, Godspeed You! Black Emperor, Thurston Moore, Bun-B, Royce Da 5’9’’, Cypress Hill, Talib Kweli e molti altri.

«In quanto musicisti non possiamo restare in silenzio. Oggi è essenziale schierarsi con la Palestina. Chiediamo ai nostri colleghi di esprimere pubblicamente la loro solidarietà verso il popolo palestinese. La complicità con i crimini di guerra di Israele si trova nel silenzio, e oggi il silenzio non è un’opzione», dice la lettera. «Oggi parliamo insieme e chiediamo giustizia, dignità e il rispetto del diritto all’autodeterminazione per il popolo palestinese e per tutti quelli che combattono l’esproprio coloniale e la violenza in tutto il pianeta».

I musicisti chiedono ai colleghi «di rifiutarsi di suonare per le istituzioni culturali israeliane complici, e di sostenere con fermezza il popolo palestinese e il loro diritto alla sovranità e alla libertà. Siamo convinti che sia cruciale vivere in un mondo senza segregazione e apartheid».

I Rage Against the Machine avevano già commentato il conflitto a Gaza con un post su Instagram. «La violenza e le atrocità di cui siamo testimoni a Sheikh Jarrah e Gaza sono il proseguimento di decenni di apartheid brutale e dell’occupazione violenta della Palestina da parte di Israele», hanno scritto. «Siamo schierati con il popolo palestinese mentre resiste al terrore coloniale in tutte le sue forme». Ecco la lista completa dei Musicians for Palestine:

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da NARCY (@narcynarce)