Home Musica News Musica

Roger Waters girerà gli Stati Uniti nell’anno delle elezioni

Il nuovo tour partirà in luglio, in piena campagna elettorale, e si chiamerà This Is Not a Drill. «Sarà uno show ancora più politico di Us + Them», promette il musicista

Roger Waters in Concerto al Mediolanum Forum, foto di Michele Aldeghi.

Lo aveva anticipato a Rolling Stone: il nuovo tour nordamericano di Roger Waters si chiama This Is Not a Drill, ovvero ‘Questa non è un’esercitazione’. Ora il musicista inglese lo ha annunciato ufficialmente in un post pubblicato su Facebook. Il giro di concerti partirà l’8 luglio dalla PPG Paints Arena di Pittsburgh, Pennsylvania.

Waters girerà gli Stati Uniti fino a inizio ottobre con uno spettacolo diverso da Us + Them, il concerto spettacolare passato anche dall’Italia. Nel video di presentazione, il musicista discute brevemente il tema della tournée e mostra le prove di Comfortably Numb e Sheep dei Pink Floyd e della sua canzone solista del 1987 The Powers That Be.

“Ci avviciniamo sempre più velocemente all’estinzione”, dice Waters spiegando il senso di urgenza evocato dal titolo del tour. “Mi sembra giusto fare un po’ di bailamme. Detto francamente, la razza umana deve cambiare il modo in cui è organizzata, altrimenti si estinguerà. Questa tournée farà parte di un movimento globale di persone che si preoccupano degli altri e che vogliono influenzare il cambiamento. Ecco perché facciamo questi concerti. Ecco perché se ne parla al pub. Ecco perché questo argomento dovrebbe essere sulla bocca di tutti, costantemente, è di estrema importanza. Spero che veniate a vederci. Questa non è un’esercitazione”.

In quanto ai contenuti dello spettacolo, Waters afferma che saranno nuovi. “Non ci saranno limiti”, ha detto. “Il mio lavoro consiste nel pensare come rendere il rock più interessante o teatrale o emozionante o visivo o musicale. È quello che ho fatto negli ultimi 50 anni, esprimendo me stesso”.

Il tour si svolgerà nei mesi precedenti l’elezione presidenziale. Non si tratta di una coincidenza. “Questo tour sarà ancora più politico di Us + Them, politico e umano”, ha detto Waters a Rolling Stone nel 2019. “Qualche ora fa, io e gli altri stavamo studiando la scaletta, ascoltavamo le canzoni da suonare. Ci siamo chiesti: come dovremmo chiamare questo tour? Non dovrei dirlo già adesso, ma non me ne frega un cazzo perché probabilmente cambierà tutto… ma immagina l’elicottero che arriva prima di Happiest Days e Brick 2 – quel suono lo conosciamo tutti – e immagina un megafono. Qualcuno l’ha già usato, lo so, ma si chiamerà: This Is Not a Drill. Penso sia un buon titolo per uno show. Questa non è un’esercitazione. La classe dirigente ci sta uccidendo”.

Altre notizie su:  Roger Waters