Home Musica News Musica

Rock & Roll Hall of Fame, in ballottaggio anche Kraftwerk, Soundgarden e Depeche Mode

Tra gli artisti che potranno essere premiati quest'anno ci sono anche Notorious B.I.G., Whitney Houston, Motörhead e Nine Inch Nails

DEPECHE-MODE-Dave-Gahan-Stadio-Olimpico-Roma-live-concerto-giugno-2017

Dave Gahan dei Depeche Mode

Sono uscite le nomination per la Rock & Roll Hall of Fame: quest’anno la lista dei candidati ad entrare nel prestigioso albo d’oro musicale è composta da Notorious B.I.G., Whitney Houston, Pat Benatar, Dave Matthews Band, Depeche Mode, Doobie Brothers, Judas Priest, Kraftwerk, MC5, Motörhead, Nine Inch Nails, i Rufus con Chaka Khan, Todd Rundgren, Soundgarden, T. Rex, e Thin Lizzy. A gennaio saranno annunciati i nomi degli artisti e delle band che avranno raggiunto un maggior numero di voti, mentre la premiazione vera e propria sarà il e maggio 2020 al Public Hall di Cleveland.

Per essere candidati quest’anno, ogni artista nominato deve aver pubblicato il primo singolo o il proprio album di debutto non dopo il 1994. Contrariamente a quanto accaduto nella storia recente della Hall of Fame, il 2019 vede tanti artisti alla loro prima candidatura, tra cui Dave Matthews Band, Doobie Brothers, Motörhead, Notorious B.I.G., Benatar, Soundgarden, T. Rex, Thin Lizzy eHouston. Per i Kraftwerk, invece, è la sesta volta, la quinta per gli MC5, la quarta per i Rufus, la terza per i Nine Inch Nails e Depeche Mode, la seconda per Judas Priest e Rundgren.

I nuovi entrati saranno selezionati da una giuria formata di oltre 1000 componenti, tra artisti, giornalisti e addetti ai lavori. Il pubblico potrà tuttavia esprimere la propria preferenza votando su rockhall.com.

«Niente rimane mai lo stesso nella musica», ha detto a Rolling Stone John Sykes, presidente della Rock Hall. «Allo stesso modo deve cambiare anche l’istituzione che premia la musica, deve evolversi con lei. Come l’hip hop ora è una parte importante della Hall Of Fame, così ogni cosa che facciamo deve riflettere i cambiamenti culturali in cui viviamo, senza tuttavia girare le spalle agli ideali e alla storia della Rock Hall».

Leggi anche