Rivelata l'identità della donna che salvò gli Oasis | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Rivelata l’identità della donna che salvò gli Oasis

Dopo il disastroso concerto di Los Angeles sotto anfetamine del 1994 Noel scappò a San Francisco dalla ragazza che gli ispirò il testo di "Talk Tonight", la canzone che lo fece ritornare con gli Oasis

Noel Gallagher, Noel Gallagher's High Flying birds, live, concerto a Milano, Assago Summer Arena, 6 luglio 2015, foto, gallery, Michele Aldeghi

Noel Gallagher, Noel Gallagher's High Flying birds, live, concerto a Milano, Assago Summer Arena, 6 luglio 2015, foto, gallery, Michele Aldeghi

È stata finalmente ritrovata la donna di cui si dice abbia salvato gli Oasis, ispirando Noel Gallagher per le parole di Talk Tonight.

Come ricorderanno tutti quelli che sono andati al cinema a vedere Supersonic, il film documentario sui primi anni degli Oasis, dopo il disastroso concerto del 1994 al Whisky A Go Go di Los Angeles, in cui la band salì sul palco dopo giorni passati a consumare anfetamine, Noel decise di abbandonare la band e volare a San Francisco per raggiungere una ragazza che aveva conosciuto durante il tour americano.

Lei avrebbe ispirato le parole di Talk Tonight, canzone che spinse ‘The Chief’ a ritornare insieme alla band. La traccia, ovviamente cantata dallo stesso Noel, fu pubblicata nel ’95 come b-side di Some Might Say e successivamente inclusa nella raccolta The Masterplan.

Noel ha ammesso in Supersonic di non ricordare molto della ragazza che, tuttavia, ora ha un nome e un volto. Si chiama Melissa Lim e di recente ha parlato dei giorni trascorsi assieme a Noel in un’intervista rilasciata al San Francisco Chronicle.

«Non ero mai stata in un backstage prima di allora per cui gli chiesi “Dov’è l’afterparty?” e lui rispose “Quale afterparty? Posso uscire con te stasera?” – racconta la donna del primo incontro con Noel, per poi parlare di quando il cantautore si presentò davanti al suo appartamento di Bob Hill – Era sconvolto, lo feci entrare e gli diedi da mangiare e provai a calmarlo. Voleva sciogliere gli Oasis».

«Andammo all’Huntington Park per farlo calmare – contina la Lim – abbiamo ascoltato un po’ di musica e siamo andati in un negozio di dischi. San Francisco ha la reputazione di essere una città dove la band muoiono, come i The Band o i Sex Pisols, e non volevo che questo accadesse sotto i miei occhi per cui gli dissi “Non puoi lasciare la band, stai per fare qualcosa di grande!”».

Quando le è stato chiesto il motivo per cui secondo lei Noel non si ricordasse del suo nome ha risposto: «Keith Richards ricorda il nome del lattaio di quando aveva 8 anni. Non so cosa stia succedendo a Noel, ma non importa. Sono stata parte di qualcosa che ha colpito così tante persone, e per me va già bene così».

Altre notizie su:  Noel Gallagher Oasis